Antica fortezza di Antibes – Claude Monet

Antica fortezza di Antibes   Claude Monet

La località turistica di Antibes si trova sulla baia di Cape of Angels, tra Nizza e Cannes. Antibes-Juan-les-Pins è la striscia costiera più lunga di Francia. Lungo tutta la costa, calette si alternano a pendii montani e magnifiche spiagge, che offrono una vista unica.

La città di Picasso, la città di Graham Green è riuscita a preservare ciò che la distingue da qualsiasi altra città della Costa Azzurra: la sua atmosfera di comfort e anima e le sue fortificazioni sono impressionanti anche adesso.

Strette strade fiorite del centro storico portano al castello di Grimaldi, costruito su una scogliera a strapiombo sul mare. Il castello fu creato sotto forma di fortezza romanica. Nel X secolo, il castello fu ricostruito, ma conservò la torre quadrata romanica.

Nel nostro tempo, il Museo Picasso è stato aperto nel castello, i suoi reperti sono una collezione inestimabile di dipinti, disegni, incisioni, litografie e ceramiche del famoso artista. Dietro il castello c’è un viale che costeggia il mare. Ripete la linea di strutture difensive ben conservate.

Da qui si apre uno splendido panorama di Nizza e della catena montuosa alpina.

Una volta sul sito dell’antica fortezza provenzale, la città di Antibes, immersa nei colori della capitale della vita culturale della Costa Azzurra, era il porto greco di Antipolis. Fu la prima città fondata dagli antichi greci sulla Costa Azzurra. Il nome “Antipolis” in greco significa “opposto”. I marinai greci, chiamando la città così fondata da loro, intendevano la sua posizione rispetto alla Corsica già dominata a quel tempo.

Questa prospera città divenne la più importante della costa mediterranea nell’era della conquista romana.

Durante la sua lunga esistenza, Antibes fu rafforzato più volte: dai romani, nel Medioevo, e dall’ingegnere militare francese Vauban nel 17 ° secolo, che guidò il miglioramento di Fort Carré e il suo adattamento all’uso delle armi da fuoco. Fort Carré è una fortezza medievale, la cui costruzione fu iniziata dalla torre centrale, alla quale furono successivamente aggiunti quattro bastioni a forma di freccia. Questa fortificazione aveva un potere eccezionale per la sua era.

Nel 1860, dopo l’annessione di Nizza e Savoia alla Francia, Fort Carré perse la sua importanza strategica.

I paesaggi di Antibes e Juan-les-Pins, realizzati da Claude Monet, furono esposti nel 1888 nella galleria di Boussault e Valadon, il cui regista era Theo van Gogh, fratello dell’artista. Felix Feneon, a cui questo ciclo sembrava tutt’altro che squisito, rispose come segue: “Alimentato da una spavalderia straordinaria di prestazioni, generosità di improvvisazione e brillante volgarità, la sua fama cresce; tuttavia, è ovvio che il suo talento non è cresciuto da Etretus”. Più posizionato allo stile di questa tela, Mallarme disse con gioia: “Questa è la tua ora più bella.”