Altare dei due Johannes – Hans Memling

Altare dei due Johannes   Hans Memling

È interessante notare che Memling, a giudicare dai documenti, non ha mai avuto un ruolo evidente nella gilda e non ha ricoperto alcuna posizione amministrativa. Infatti, a differenza di Petrus, Christus Memling non ha cercato di ottenere uno status elevato.

L’unica organizzazione pubblica che ordinò i suoi dipinti fu l’ospedale di San Giovanni a Bruges. Ci sono quattro delle sue opere, create per ordine dei monaci del monastero all’ospedale. Ciò è accaduto raramente e in seguito sono sorti molti miti sulla relazione speciale tra Memling e questa istituzione.

A quel tempo, Memling e Hugo van der Goes furono riconosciuti come i più grandi artisti dei Paesi Bassi durante la loro vita. Questi furono gli ultimi anni dell ‘”era d’oro” per Bruges, dove si osservava ancora una relativa prosperità, nonostante l’inizio di un generale declino economico nel paese a causa delle continue guerre di Carlo il Coraggioso.

La tranquillità – almeno all’interno delle mura della città – ricordava la calma prima della tempesta. Il cielo azzurro sopra i parchi con alberi fermi, sui quali non si muove una sola foglia, e i riflessi trasparenti nel Mare dell’Apocalisse sono immagini simboliche di Memling di questa atmosfera politica. Il St. John’s Hospital era la più grande struttura più antica per malati, bisognosi e viaggiatori. La citazione può essere trovata nelle fonti della fine del XII secolo; sostenuto dalle autorità cittadine nel quadro del programma di lotta alla povertà e ai disordini sociali, si è sviluppato fino alle dimensioni del complesso oggi noto.

Nel 1459 l’istituzione ricevette lo status di monastero. Due comunità erano governate dal superiore, dal superiore e dai loro tesorieri.

Quando nel 1473-1474 fu costruita una nuova abside per i cori nella chiesa dell’ospedale, queste quattro persone ordinarono a Memling di avere un grande trittico per decorare l’altare maggiore. Il pezzo conserva ancora la cornice originale in cui è stato installato sull’altare. Per molto tempo, noto come l’impegno mistico di Santa Caterina, a causa del gesto simbolico di Cristo che mette un anello nuziale sul dito santo, quest’opera è chiaramente dedicata alla Vergine Maria e ai santi patroni dell’istituzione – Giovanni Battista e Giovanni Teologo. È il più grande dei trittici epici di Memling insieme al Giudizio Universale e alla Passione del Signore di Lubecca.

In termini di cronologia, questi lavori sono distribuiti uniformemente durante la sua carriera e, quindi, servono come pietre miliari del suo lavoro. L’altare di due Giovanni risale al 1479 e risulta quindi essere nel mezzo tra le due opere sopra menzionate. La parte centrale mostra la Santa Intervista – un incontro di santi intorno alla Vergine Maria. Lei si siede sul trono; due angeli impennati in abiti blu scuro giacevano su di lei la corona della Regina del Cielo. Alla destra di Maria, Santa Caterina è inginocchiata – un membro di un metrico fidanzamento, riconoscibile anche dagli strumenti della sua tortura – la spada e la ruota.

Nella sua mano sinistra è Santa Barbara, un attributo di cui è considerata una chiesa di pietra bianca. Appena visibile attraverso l’opera in pietra traforata dell’ospite è contenuta in un cilindro di vetro su una mezzaluna dorata. Sebbene l’ospite sia anche un simbolo di Santa Barbara,

Le figure dei due santi Giovanni dietro le donne su entrambi i lati della Vergine Maria personificano gli aspetti dell’Eucaristia. Giovanni Battista punta la mano sul vero Agnello – Cristo, che, essendo il nuovo Adamo, tiene in mano una mela. Giovanni Evangelista benedice la sua tazza di veleno come un sacerdote che benedice una tazza di vino durante la Messa. Dal punto di vista del significato sacro di questa raccolta, il libro che l’angelo offre alla Vergine Maria e i suoni prodotti dall’angelo che suona l’organo, d’altra parte, hanno lo stesso significato.

Maria funge da altare divino.

La composizione del gruppo è perfetta nella sua simmetria, così come l’architettura sullo sfondo. Non c’è dubbio che Memling abbia preso ad esempio la cornice architettonica della Madonna, canon van der Pale van Eyck, cambiandola per rendere lo spazio più aperto e creare una struttura leggera con un colonnato diretto verso l’alto. Le strette aperture verticali tra le colonne rivelano un paesaggio con rovine ed edifici, in cui sono raffigurate in miniatura scene della vita di entrambi San Giovanni.

Ogni lembo raffigura uno di questi episodi in primo piano.