Zenobia, trovata dai pastori sulle rive dell’Arax – Adolph Bouguero

Zenobia, trovata dai pastori sulle rive dellArax   Adolph Bouguero

“Zenobia, trovata dai pastori sulle rive degli Araxes” – opera dell’artista francese Adolf Wilhelm Bouguereau – fu il punto di partenza della gloria nascente dell’allora giovane autore e gli conferì il Premio Romano. Ciò che era sigillato sul piano della tela era solo un piccolo pezzo di una lunga storia di tormento Zenobia – la moglie del sovrano di Iberia.

Diventata vittima del geloso marito Radamist, fuggendo dal nuovo sovrano del regno, Tiridat, la donna fu ferita e gettata nelle acque del fiume Araks. Nonostante il destino, la giovane regina fu salvata da pastori che riuscivano a malapena a vivere dalle profondità di un fiume di montagna e fu accettata da Tiridate, che l’amava e la rispettava. La scena della salvezza ha attirato l’attenzione di Boughero. La presa sul filo della vita in partenza, il brivido con cui i soccorritori della fanciulla guardano il corpo senza vita, il silenzio e l’attesa del risveglio – tormentano lo spettatore. Il silenzio appeso della tela viola il fruscio dell’acqua e dei vestiti.

La natura è quasi addormentata nel crepuscolo serale.

Il sole non è ancora tramontato, dopo aver dipinto i corpi delle persone con il viola e rendendo le ombre più nitide e nere. Ogni colpo d’olio vive e si scioglie sotto i piedi dei pastori. Scena triste, no?

Cattura il corpo degli uomini. Sono spiegati in modo plausibile, come se fossero stati cancellati dalla natura di età e classi diverse: sia un giovane nudo, sia un vecchio pendente in un cappuccio, e pastori più giovani abbronzati.

Sullo sfondo della vernice color sabbia dei corpi degli uomini, Zenobia sembra essere porcellana e fragile. Il suo corpo non conosce la fuliggine dei raggi e il vento spinoso. L’acqua praticamente mummificava la sfortunata regina con la sua freddezza.

Ecco perché la pelle è bianca e gli abiti sono trasparenti.

Nonostante l’affollamento dei personaggi, ognuno di essi è visibile, non è necessario indovinare né i lineamenti del viso né gli occhi. Vorrei rendere omaggio all’abilità dell’autore di prescrivere tendaggi con rughe e pieghe, nonché momenti difficili del paesaggio: pietre, piante e una base multi-trama di sabbia o rocce. La lettera di Bouguero si distingue per la sua secchezza e la struttura liscia, come la lucentezza.

I critici d’arte affermano che questa è una delle prime tele dipinte da Bougero in una palette insolita per l’autore: molto leggera, calda e pulita. “Zenobia, trovata dai pastori sulle rive degli Arabi” – l’inizio per i prossimi capolavori con una sottolineatura e un colore simili.