Workshop dell’artista – Gustave Courbet

Workshop dellartista   Gustave Courbet

Finendo il lavoro nello Studio dell’artista, Courbet condivide con il suo collega scrittore Chanfleury: “Le persone a cui piace esprimere le proprie opinioni in qualsiasi occasione e svegliarsi nel cuore della notte con un desiderio appassionato di discutere qualcosa e, naturalmente, condannare, queste persone godranno di molto piacere dopo aver visto la mia nuova foto! “.

Courbet non aveva torto. The Artist’s Workshop diventa una fonte inesauribile di ispirazione per i critici. Il quadro è stato sottoposto a una dura valutazione dei membri della giuria dell’Esposizione mondiale di Parigi nel 1855 ed è stato fortemente respinto da loro. Nonostante ciò, Courbet organizza una sua mostra indipendente, in cui presenta non solo il laboratorio dell’artista, ma anche il funerale di Ornan, oltre a diverse altre sue opere. Se il nome stesso del dipinto è stato in grado di incuriosire i critici, allora cosa possiamo dire della composizione e del tema: non c’erano numeri per le interpretazioni.

Come potrebbe non essere considerato questo dipinto: esoterico, massonico, simbolico, realistico, politico, sociologico…

C’è una testimonianza dell’autore del Workshop che ha cercato di catturare se stesso, i suoi cari sulla tela, e anche di presentare la società in cui doveva vivere. La figura dell’artista si trova nella parte centrale dell’immagine – si siede di fronte al cavalletto. L’onda della mano con un pennello è associata al gesto di Dio della Creazione di Adamo di Michelangelo. L’artista è raffigurato al lavoro – sembra completamente distaccato da ciò che sta accadendo in giro.

Su entrambi i lati ci sono due gruppi di figure.

Sulla destra ci sono amici intimi e persone che supportano l’artista. In primo piano, sul tavolo, c’è il poeta Baudelaire, appassionato di lettura. Non lontano da lui, su uno sgabello, lo scrittore Chanfleri ha trovato lavoro.

Poco più avanti c’è un gruppo di cinque persone, tra cui il filosofo Proudhon e il filantropo di Bruille. Dietro l’artista si trova un modello nudo – un simbolo di energia creativa che afferma la vita, a sinistra – allegorie sociali: un gruppo di poveri, una contadina meditabonda, un bambino in abiti a brandelli e un cane da caccia.

L’immagine è disegnata in una calda tonalità giallo-marrone. È considerata una delle migliori opere di Courbet. I colleghi dell’artista hanno definito quest’opera una vera e propria impresa artistica, dal momento che l’hanno trovata molto personale, e quindi, calpestando le basi accademiche che proibivano l’elevazione del personale al livello di un’epopea storica.