Vista immaginaria della Grande Galleria in rovina – Hubert Robert

Vista immaginaria della Grande Galleria in rovina   Hubert Robert

Nella storia dell’arte europea della seconda metà del XVIII secolo. Hubert Robert è entrato come uno degli artisti contemporanei più preferiti. “Che effetto! Che grandezza!

Che nobiltà!” – parla dei dipinti di Robert D. Diderot presentati in uno dei saloni di Parigi. L’artista è nato a Parigi.

Per quasi dieci anni ha studiato e lavorato a Roma, dove ha incontrato Fragonard e ha scritto con lui viste su Villa d’Este. Ma soprattutto nel periodo italiano, Robert fu colpito dalla creatività di Piranesi, dalle sue fantasie architettoniche, dalle rovine romantiche. Sotto l’influenza di Piranesi, i temi principali delle opere di Robert erano le rovine immaginarie e della vita reale della città antica.

Queste opere hanno reso celebre l’artista a Parigi, ma col tempo ha iniziato a trasformarsi in specie reali. “The Imaginary View of the Great Gallery in Ruins” è un tipico lavoro di Robert.

Come in altri dipinti simili, l’artista con una sottigliezza speciale trasmette gli effetti creati dall’aria, la sua pittura si distingue per la sottigliezza dei modi nel trasferimento dei dettagli, che ha conferito ai suoi quadri un carattere romantico. Altre opere famose: “porto romano”. 1766. Museo della School of Fine Arts, Parigi; “Rovine con un obelisco in profondità.” 1775.

Museo delle Belle Arti Pushkin. A. S. Pushkin, Mosca; “Fuoco nell’opera”. 1781. Museo Carnavale, Parigi; “Ponte del Garda”. 1787.

Louvre, Parigi.