Vera Repin sul ponte di Abramtsevo – Ilya Repin

Vera Repin sul ponte di Abramtsevo   Ilya Repin

Ilya Efimovich Repin era ancora uno studente promettente di Ivan Nikolaevich Kramsky, quando la sua futura moglie aveva già posato per lui per dipinti, disegni e schizzi. Vera Alekseevna Shevtsova, figlia di un’insegnante di disegno e disegno della fabbrica di taglio Peterhof Shevtsov Alexei Ivanovich, aveva nove anni.

Più tardi, quando Verochka compì 16 anni ed entrò nell’Istituto Mariinsky, e Ilya Repin aveva già scritto i suoi Burlaks sul Volga nel 1871, li pubblicò e il quadro ebbe un grande successo, si sposarono.

Ilya Efimovich iniziò immediatamente a disegnare e scrivere tutta la famiglia Shevtsov.

Nel 1873, I. Ye. Repin ricevette la medaglia d’oro Vizhe-Lebrun dall’Accademia delle Arti per l’espressione. Successivamente ha ricevuto un rinvio all’esposizione mondiale di Vienna, dove l’opera è stata molto apprezzata e Repin è diventato un artista famoso in Europa.

Dal 1873 al 1876 Repins visse all’estero.

Nel 1977 l’artista arriva per la prima volta ad Abramtsevo, la tenuta di Savva Mamontov, che d’ora in poi sarà per molti anni la casa della creatività di Ilya Efimovich.

Tra i molti dipinti famosi dipinti durante questo periodo, il “Paesaggio estivo” del 1879 sembra molto insignificante e poco conosciuto. Tuttavia, se guardi quest’opera nella prospettiva generale della vita e dell’opera di Ilya Repin, puoi dire che un piccolo “paesaggio con personale” è una delle opere intime e liriche di Repin. Lui e Vera sono sposati da sette anni. Hanno tre figli e Vera è il modello principale per Ilya Efimovich. La sua vita è dedicata al suo amato marito, al suo lavoro, alle sue idee e alla sua personalità.

Nella prospettiva del tempo, si può dire che questo paesaggio riflette l’apice della felicità coniugale.

Vegetazione densa, densa e ombreggiata di un parco invaso, vecchio sole imbiancato e ceppi meteorologici di un piccolo vecchio ponte sopra un flusso. La figura di una donna in un vestito alla moda della fine degli anni ’70 del XIX secolo è in piedi su questa incredibile struttura, come se si fosse appena fermata e andasse oltre. Accessori: un ombrello bianco, quasi impercettibile sullo sfondo dei drappeggi di un vestito, un mantello nella mano sinistra, messo da parte per un minuto sulla ringhiera del ponte, cappello nero, scarpe nere con tacchi, pizzo nero alla gola, giacca bianca – in un bagno simile una signora poteva facilmente camminare lungo Nevsky Avenue o Tuileries.

Ma lei è qui in silenzio e spesso misteriosa Abramtsev. L’artista trasmette la fragilità e la raffinatezza della figura in contrasto con la natura e il fatiscimento dell’edificio.

E allo stesso tempo, sentiamo la tenerezza dell’autore in un colore rosa chiaro del vestito, nella grazia femminile della figura nei contorni quasi infantili di un viso mezzo girato.

Quindi, molti anni dopo, si separeranno e altre donne saranno le eroine dei suoi dipinti, ma questo paesaggio con la figura di una donna amata rimarrà nella storia della pittura, come simbolo del vero lirismo del paesaggio russo.