Vaso con Gladiolo rosso II – Vincent Van Gogh

Vaso con Gladiolo rosso II   Vincent Van Gogh

Van Gogh ha spesso affrontato il tema dei fiori. Nelle sue nature morte, l’artista ha cercato di sperimentare il colore, esaltandone le sfumature e portando al massimo l’espressività delle combinazioni colorate.

In questa natura morta, scritta nel 1886, Van Gogh dipinse gladioli. Il loro colore rosso brillante e saturo lampeggia su uno sfondo verde scuro e le foglie lunghe sono dirette verso l’alto con le frecce. Un bellissimo vaso in ceramica con un intricato motivo bianco si staglia sullo sfondo scuro generale, attirando immediatamente l’attenzione dello spettatore.

Alcuni piccoli aster bianchi si perdono un po ‘tra i lussureggianti gladioli. Alcuni vengono gettati su una tovaglia giallo-arancio brillante. La parete verde ha una tonalità calda, ma il verde dei fiori sullo sfondo non è perso.

I riflessi verdi sono visibili sia sulla tovaglia che sugli astri abbandonati.

La natura morta a prima vista riconosce la calligrafia pittorica di Van Gogh. L’intera struttura cromatica dell’immagine si basa su una combinazione luminosa e contrastante di colori opposti. Tuttavia, questa combinazione non sembra appariscente.

Colori apparentemente incompatibili dovuti al dono coloristico dell’autore coesistono in modo molto armonioso in questa natura morta, completandosi e rafforzandosi a vicenda.

Sia la combinazione di colori che il modo di scrivere questa immagine sono molto tesi ed energici, porta tutta l’intensità dei sentimenti che Van Gogh ha cercato di trasmettere.