Vampire – Edvard Munch

Vampire   Edvard Munch

Dipinto nel 1893, il dipinto “Vampire” è incluso nel ciclo “Frieze of Life”, su cui il maestro ha lavorato nel 1890-1900. Sulla base di ciò, Munch mostrerà diverse dozzine di incisioni – l’immagine del personaggio principale gli sembrerà così “colorata”. In generale, il ciclo “Fregio della vita”, come ha scritto il maestro stesso, “è una poesia su Vita e Morte, Amore e Odio, Felicità e Dolore, Pace e Paura”.

Uno degli amici di Munch, testimone di tutte le fasi della creazione di “Vries”, ha ricordato che l’artista ha inventato la composizione “Vampire” in pochi minuti e ha realizzato la sua idea “in un paio di giorni”.

In occasione della presentazione di questa immagine nel 1896 nella galleria parigina Siegfried Bing, lo scrittore e critico August Strindberg pubblica un articolo nel numero di giugno de “La Revue Blanche”, in cui, cercando di suscitare l’interesse del pubblico per la nuova foto del maestro, guida diverse righe del suo verso bianco Composizioni: “La pioggia dorata dei capelli cade sulla sfortunata grazia diabolica di fronte a un bellissimo vampiro. Ma è infelice? O l’ha pregata per quest’ultima carezza – la carezza di un morso mortale per sentire la linea instabile tra vita e inesistenza?

Che cos’è p il sangue ki, la sofferenza e la morte, a fronte di un sentimento dolce – anche se momentanea -? quello che ami e l’amore”.

Le ciocche di capelli dorati simboleggiano, come nell’articolo di Strindberg, così come nella pittura di Munch, i legami che legano gli amanti. Coprono un uomo che preme contro il seno di una donna, succhiandogli sangue dal collo. Questa scena è l’incarnazione di una visione ambivalente di una donna come un essere desiderato e pericoloso, che era particolarmente popolare tra i simbolisti della fine del XIX secolo.

I capelli rossi di una donna attirano l’attenzione dello spettatore, ma non possono distrarlo dai pensieri sulla vittima; un uomo sembra essere isolato dal mondo esterno, più precisamente, sembra dissolversi nel nulla – Munch lo enfatizza fondendo i suoi abiti scuri con lo sfondo dell’immagine.