Vai – Diego Velasquez

Vai   Diego Velasquez

La tela può essere divisa in due parti. In primo piano, i tessitori svolgono il loro lavoro silenzioso e, nel secondo, il risultato della loro attività: un grande tappeto sul muro che raffigura una scena su un tema religioso. Al centro dell’immagine il lavoro è in pieno svolgimento, senza fermarsi per un secondo.

L’immagine è piena di dinamiche: ogni tessitore è impegnato con la propria attività.

Uno raccoglie i fili caduti sul pavimento, l’altro – quello che con le maniche arrotolate fa girare una nuova opera d’arte. Molto probabilmente, l’artista voleva mostrare la sua passione per il processo di lavoro con le maniche arrotolate. Di fronte alla donna con le maniche rimboccate, siede, ovviamente, un’anziana tessitrice, che conduce pigramente una conversazione con un giovane handicap.

Vicino alla vecchia, come se sentisse l’esperienza di vita e il bene proveniente da lei, un gatto domestico si sistemò ai suoi piedi. Velazquez ha rappresentato il solito posto di lavoro senza abbellimenti e pathos.

Nessun movimento teatrale, solo movimenti precisi e sicuri dei tessitori. Dalla quantità di luce nella stanza, si può presumere che i lavoratori siano stati ritardati fino a tarda sera. La loro forma stanca è anche indicata da un’astrazione dal lavoro di una donna anziana e di un tuttofare, che ha permesso una piccola chiacchierata alla fine della giornata.

Qualche parola da dire sull’arazzo sullo sfondo.

L’artista ha rappresentato il momento dell’ira del Signore quando ha trasformato Arahna in un rettile strisciante. Alcuni storici ritengono che con questo momento Velázquez abbia voluto rivelare il gioco politico della Spagna, che è in gran parte al comando delle persone. Pertanto, l’immagine appartiene alle migliori opere d’arte dell’epoca.