Twilight – Isaac Levitan

Twilight   Isaac Levitan

Negli anni 1897-1900, l’artista ha continuato a creare i suoi paesaggi meravigliosi, ma solo ora non avevano più speranza o gioia. Praticamente tutti i dipinti recenti di Levitan presentano il motivo della fine della vita umana, la cura.

Sembrerebbe che non ci siano stati più reati, preoccupazioni o problemi finanziari nella vita di Levitan. Ma la tristezza costante, che in precedenza era stata una compagna di tutta la vita dell’artista, lasciando il posto alla somiglianza e alla risolutezza degli affari esterni, si rifletteva pienamente nei suoi dipinti.

Nel paesaggio di Twilight, la giornata estiva è finita da tempo, piena di duro lavoro, nel campo sono raccolti i pagliai. Dopo il tramonto, non c’è quasi nulla da vedere in giro, l’intera trama è satura di stanchezza mortale.

Le motivazioni delle opere create da Levitan negli ultimi anni della sua vita, come sempre, sono diverse. Il pittore scrisse ancora e ancora burroni e boschi, distanze primaverili, pagliai nei campi e periferia del villaggio.

Ma la sua caratteristica particolare alla fine del 1890 fu il frequente riferimento a paesaggi crepuscolari, l’immagine di villaggi dormienti, notti tranquille illuminate dalla luna, quando “il deserto ascolta Dio e la stella con la stella parla”. In tali opere, ha raggiunto un laconismo dell’immagine senza precedenti, quello della sua generalizzazione, che consente all’artista, come qualcuno ha detto sulla sua ricerca tardiva, di “monumentalizzare il respiro della terra”. Ivan Turgenev Sera di primavera 1843. Nuvole dorate camminano sopra la terra riposata;

I campi sono spaziosi, stupidi Glisten, intrisi di rugiada; Il ruscello rimbomba nella nebbia della valle, il tuono della primavera rimbomba in lontananza, il vento pigro nelle foglie della tremula tremante con un’ala presa. Foresta silenziosa ed elettrizzata alta, verde, foresta scura silenziosa. Solo di tanto in tanto all’ombra di una foglia profonda insonne fruscia.

La stella trema alle luci del tramonto, L’amore è una stella bellissima, E nell’anima è facile e santo, È facile, come negli anni dell’infanzia.