Trinity Sergius Lavra – Fedor Alekseev

Trinity Sergius Lavra   Fedor Alekseev

Alekseev – pittore paesaggista russo, il famoso maestro russo del paesaggio urbano, in effetti il ​​primo tra i pittori russi. Prima di ciò, gli artisti hanno elogiato la natura. la sua bellezza e completezza – Alekseev ha anche catturato le città come luoghi che possono dire alla gente molto più di quanto conoscano se stessi, anche più di alcuni ritratti. Ha iniziato scrivendo uno scenario.

Ma col passare del tempo divenne famoso e scrisse anche per ordine dell’imperatore.

“Trinity-Sergius Lavra” – il suo lavoro, scritto per l’anima, nel suo solito modo attento, cauto e riverente. Sembrava aver preso una misura dalla realtà e averla messa in scena: ha catturato un posto e sulla sua tela è rimasto invariato per molti anni. La Trinità-Sergio Lavra è un monastero maschile, il più grande della Russia, non soggetto alla diocesi locale, ma sotto la supervisione personale del patriarca.

Per molti anni ha preso parte attiva alla vita del paese – ad esempio, i monaci del monastero si sono opposti ai sostenitori di False Dmitry in The Time of Troubles.

L’immagine è la stessa. tuttavia, non ci sono tracce di quegli anni. Al contrario, sembra molto leggero: alte cupole, sormontate da croci, pareti bianche, architettura tradizionale della chiesa, un piccolo vicolo, a cui scorrono i sentieri calpestati. Il cielo è alto come il soffitto del tempio.

La luce dorata del sole inonda l’alloro e lo riempie di una premonizione del bene. In questa luce, l’erba nella foto è come l’acqua – sembra che se un monaco avesse camminato lungo il sentiero, inciampato, si sarebbe inzuppato i piedi.

Quando si guarda l’immagine, si sente che il luogo raffigurato era sacro per l’artista. Lo scrisse con colori vivaci, attentamente, come se avesse paura di non riuscire a trasferire un po ‘di spirito sulla carta, di privare il luogo di luce, lasciandolo vuoto e morto. Ma questa paura non era giustificata.

La luce è rimasta nella foto e rimarrà con essa per sempre.