Trinità – Masaccio

Trinità   Masaccio

Masaccio rappresenta l’immagine della Trinità come era nella tradizione del Rinascimento, dove Dio Padre era raffigurato come un patriarca dalla barba grigia seduto sul trono dietro e sopra il Figlio crocifisso, sostenendo la sua croce con le braccia tese. Sopra la testa di Cristo a forma di colomba, lo Spirito Santo si librava. Tale immagine, nota come Sede dell’Espiazione o Sede della Salvezza, si diffuse nella pittura fiorentina del XIV secolo.

Tuttavia, il capolavoro Masaccio ha alcune caratteristiche speciali. Innanzitutto, nessuno ha mai creato un’immagine così monumentale in termini di dimensioni. In secondo luogo, Masaccio scrisse in piedi Dio Padre, che probabilmente voleva portargli un sacerdote che serve la messa e celebra l’Eucaristia.

Nel frattempo, prima di Masaccio, Dio Padre era raffigurato seduto sul trono, come lo vediamo, ad esempio, nei dipinti di Nardo di Chone. “Trinità” – una delle prime opere nella storia della pittura mondiale, nella cui composizione sono state applicate le leggi della prospettiva lineare, creando l’illusione dello spazio tridimensionale. La cornice architettonica dell’immagine dà una forte influenza qui al Brunelleschi e molti ricercatori credono addirittura che sia stato direttamente coinvolto nella creazione dell’affresco.

Sotto l’arco di un arco massiccio, l’artista dipinse le figure della Santissima Trinità. Ai lati della crocifissione si trovano la Madre di Dio e l’apostolo Giovanni, e fuori dallo spazio sacro, fuori dall’arco, ci sono due ginocchia. Molto probabilmente, si tratta di ritratti di persone che hanno ordinato la foto di Masaccio.

L’immagine in basso mostra una tomba con un’iscrizione rivolta a ciascuno del pubblico: “Ero come te e dovresti diventare come me”. Pertanto, la tomba ci ricorda l’inevitabilità della morte e l’immagine della Trinità dà origine alla fede nella salvezza dell’anima. Questo affresco è stato uno dei primi ad essere creato con l’aiuto del cartone: grandi disegni su larga scala, sono stati applicati al muro e poi delineati con contorni di stile in legno.

Come nel caso di qualsiasi murale dipinto su intonaco fresco, nonostante il fatto che l’immagine fosse scarsamente conservata, i ricercatori hanno potuto determinare per quanto tempo l’artista ha continuato a lavorare.

In questo caso, Masaccio ha impiegato 28 giorni. Passava la maggior parte del tempo a scrivere testa e viso. Immagini della Santissima Trinità Nella cultura cristiana, c’erano diverse tradizioni dell’immagine di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo.

Le epoche cambiarono e con esse la rappresentazione visiva della Trinità. La dottrina della Trinità, cioè la rappresentazione di Dio come trinità del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, è una delle pietre miliari della fede cristiana.

Per la prima volta, la Trinità come Dio, unita in tre persone, è menzionata nel Vangelo di Matteo. Il Cristo risorto manda i suoi discepoli-apostoli al sermone con le parole: “Vai, allora, insegna a tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo”. Nella pittura medievale, l’immagine di Dio Padre aveva un significato simbolico.

Ciò era dovuto al fatto che la chiesa non consentiva agli artisti di scrivere ciò che è impossibile vedere. Allo stesso tempo, c’era una tradizione di raffigurare la Trinità sotto forma di tre anelli intrecciati o sotto forma di un trifoglio.

Soprattutto spesso tali acetoselle apparivano sulle vetrate della chiesa. Più tardi, gli artisti hanno iniziato a rappresentare la Trinità sotto forma di tre figure umane. Ad esempio, sull’icona di Andrei Rublev, la Trinità è rappresentata da tre angeli.

Meno comunemente, l’immagine della Trinità era espressa dalla figura di Dio Padre, il Figlio seduto alla sua destra e lo Spirito Santo che fluttuava tra loro sotto forma di una colomba. Sull’incisione di Durer, Dio Padre stesso sostiene il corpo del Figlio preso dalla croce. Questa scena ha molto in comune con il comune dell’era rinascimentale che beve – pittura o composizioni scultoree raffiguranti il ​​lutto di Cristo.