Torri alle grate. Pskov – Boris Smirnov-Rusetsky

Torri alle grate. Pskov   Boris Smirnov Rusetsky

La storia di Pskov ha almeno un millennio e mezzo. Dal VI al XVIII secolo, la città fu in prima linea negli eventi della storia nazionale come un importante centro politico, commerciale e culturale della Russia, la più grande fortezza sulla sua frontiera occidentale. La terra di Pskov si estendeva lungo una stretta striscia lungo il Grande Fiume e la costa orientale dei laghi Pskov e Peipsi.

L’antica Pskov è una città guerriera, diretta e irremovibile, piena di lealtà verso la sua terra e uno spirito d’onore, sempre pronto a respingere il colpo di ogni nemico. Potenti mura di pietra con minacciose torri di battaglia custodite al suo interno non solo la parte centrale – Detinets, ma anche un ampio Posad, abitato da cittadini comuni e riccamente decorato con numerosi monasteri e templi. Nel XVI secolo, dopo la ristrutturazione delle fortificazioni della città di Okolny, Pskov divenne la più grande fortezza della Russia, protetta da 4 cinture di mura di pietra con 39 torri da combattimento.

Oltre a mura e torri, il sistema di fortificazione più complicato comprendeva fossati, ponti levatoi, roskaty, cancelli, zahabs, nascondigli, voci, feritoie di cannoni con telecamere, guardie, tende di cannoni. Oggi dozzine di monumenti dell’antichità, intere isole del Medioevo sono organicamente incluse nel tessuto vivente della moderna città di Pskov: Krom, città di Dovmontov, monasteri e templi, camere mercantili. Nelle antiche mura, la vita era in pieno svolgimento, le passioni politiche infuriavano.

Qui gli abitanti di Pskov hanno lavorato duramente, hanno combattuto per il potere, hanno combattuto contro il nemico.

Queste torri hanno ispirato la paura dei membri della tribù con la loro inaccessibilità e le prese d’aria dei vescovi che guardano nelle scappatoie. L’aspetto dell’antica Pskov era severo, perfino severo, ma pieno di alta spiritualità e sorprendentemente armonioso. “In verità, la terra di Pskov è l’eroico avamposto della terra russa! Non una volta qui la Russia si incontrò e scortò adeguatamente i nemici.” .