Torre. Modello del monumento alla III Internazionale – Vladimir Tatlin

Torre. Modello del monumento alla III Internazionale   Vladimir Tatlin

Questo lavoro esprime il concetto generalizzato di una nuova architettura. La Tatlin Tower è un’opera concettuale, un simbolo di aspirazione per un nuovo mondo, per una “cultura collettiva, reale ed efficace”.

Il monumento in ferro è costituito da 2 spirali inclinate, armoniosamente interconnesse e attorcigliate dal basso verso l’alto. All’interno delle spirali una sopra l’altra si trovano le costruzioni di forme geometriche: un cubo, una piramide, un cilindro, un emisfero. La torre avrebbe dovuto costruire un’altezza a grandezza naturale di 400 m, fatta di vetro e acciaio.

La Tatlin Tower è un’opera unica che esprime l’idea dell’unità delle persone, una causa comune, l’aspirazione, l’idea del movimento – sviluppo. Questa è l’immagine dell ‘”azione energetica”, l’espressione della formazione materiale ed energetica. È associato alla Torre di Babele sul principio di opporsi al simbolo della vanità delle opere dell’umanità e alla sua insolenza e ai suoi approcci costruttivi.

Nel vero progetto architettonico di Tatlin, secondo l’opinione di A. Strigalev, prese forma uno spazio simile all’irrazionale, non riproducibile nelle proiezioni ortogonali alle costruzioni spaziali, spesso trovato nelle immagini iconografiche dell’architettura.

Tatlin sincronizzava i ritmi di movimento e le dimensioni della Torre con i processi ciclici planetari. Il processo di rotazione dei volumi non è percepito dall’occhio a causa delle basse velocità di movimento. Il cubo ruota al ritmo di 1 giro all’anno, una piramide – 1 giro al mese, un cilindro – 1 giro al giorno, un emisfero – 1 giro all’ora.

La rotazione dei volumi è associata alla rotazione della Terra. L’altezza è un multiplo del meridiano.

Nel 1968, il modello di 7 metri della Torre Tatlin fu realizzato nel Museo di Arte Moderna di Stoccolma. Nel 1970, fu realizzato un modello in legno per una mostra di arte sovietica degli anni rivoluzionari a Londra.