Tipi di Rouen – Claude Monet

Tipi di Rouen   Claude Monet

“Tipi di Rouen” – un dipinto di Claude Monet, scritto da lui nel periodo della sua vita ad Argenteuil. È stato un periodo meraviglioso e fruttuoso, quando la collezione dell’artista è stata riempita con splendidi paesaggi con vista sulle rive della Senna, scene con velieri e persone metropolitane che camminano nella provincia di Arzhantey.

A volte Monet si concedeva piccoli viaggi per le attività all’aperto lungo la Senna, tra cui l’antica montagna russa Rouen, la capitale della Normandia. Uno dei viaggi a Rouen incoronato da una serie di fitti con vista sulla riva destra della Senna e dei suoi affluenti. Il lavoro sopra è stato incluso nella loro composizione.

Va notato che questa tela si distingue non solo per la narrazione della trama, ma anche per il modo di scrivere a Monet, che è caratterizzato, di regola, da tratti nervosi.

“Tipi di Rouen” – toccante dolorosamente personificazione del flusso calmo della vita e degli elementi, addormentato solo per un istante sotto il pennello dell’artista. Monet è stato fortunato a catturare nelle sue reti proprio quel pezzo di tempo, quando la natura non è ancora addormentata, ma è immersa in un dolce sonno. E questi colori cupi, e calmi, e le vele abbassate delle barche e la mancanza di umanità – tutto parla della preparazione accurata della giornata per l’incontro delle tenebre.

Al centro della tavolozza dei colori “Kinds” ci sono sfumature fredde di colori rosa e lillà. La loro combinazione ha dato all’immagine una misteriosa mezza nebbia e foschia. Il punto nero, in quanto non è strano per l’impressionismo con il suo rifiuto di vernice nera, spalanca la barca a vela al centro dello stagno.

Esausto e solo, getta un’ombra senza fondo altrettanto profonda sullo specchio dell’acqua…

Il paesaggio di Rouen è bellissimo in campagna con i suoi edifici bassi e la guglia di una cappella o di un tempio, di cui ce ne sono molti in questo luogo. Il piano distante è coronato da una collina così pesante e inclinata che ricorda la parte posteriore di una balena. Una piccola casa sulla destra, come un’eco di qualcosa di vicino e caro al paesaggio russo, riscalda l’anima.

La narrazione pacificata, il molo tranquillo vicino alle rive basse e l’acqua specchio: tutto dice, o meglio, sussurra sulla gravità del giorno che passa e presto dormi, e poi di nuovo mattina…

Guardando questa tela, inizi a capire Monet e la sua brama di luoghi silenziosi e tranquilli, anche se così grandi in senso geografico, ma i suoi.