Tamara nella bara – Mikhail Vrubel

Tamara nella bara   Mikhail Vrubel

Dopo aver completato i lavori sulla Demon Sitting, Vrubel non si separò da Lermontov; il destino era di continuare il dialogo dei due grandi maestri. Il destino è stato realizzato da P. Konchalovsky, comproprietario della casa editrice Kushnereva. La casa editrice stava preparando una raccolta illustrata delle opere di Lermontov, programmata per coincidere con il cinquantesimo anniversario della morte del poeta, e Konchalovsky invitò Vrubel a prendere parte a questo lavoro.

Vrubel fu d’accordo.

Inoltre, su richiesta urgente di Konchalovsky, divenne uno dei suoi consulenti artistici. Insieme al cliente, V. Serov e A. Vasnetsov, Vrubel ha determinato il tipo di pubblicazione e i dettagli della sua soluzione “designer” e “informativa”, e ha certamente partecipato alla valutazione delle illustrazioni che gli artisti hanno portato all’editore.

Una “squadra” piuttosto eterogenea di maestri è stata attratta per illustrare gli scritti di Lermontov, ma in qualche modo hanno dato il tono alla pittura di quel tempo. Pertanto, Vrubel si è trovato nel bel mezzo della lotta per l’arte moderna, ottenendo la possibilità di “competere” con altri artisti. Questa “competizione” di gioco d’azzardo ha reso possibile, secondo lo stesso Vrubel, svelare in modo definitivo l’essenza innovativa della sua arte e mostrare come una persona che “ascolta” il “ronzio” del tempo “dovrebbe” scrivere.

Ma c’era un motivo in più per cui Vrubel “elementare” si sedeva per ore su fogli di carta, su cui crescevano le sue visioni sui miti di Lermontov. Illustrando il “Demone”, è stato in grado di affinare ancora di più le tecniche che ha formulato durante la creazione della “Seduta del demone”, chiarendo al contempo il suo atteggiamento verso questo eroe. In altre parole, le illustrazioni di Vrubel al “Demone” possono essere paradossalmente viste come “schizzi” peculiari e commenti a un capolavoro già scritto.