Symphony in White No. 2: a Girl in White – James Whistler

Symphony in White No. 2: a Girl in White   James Whistler

Nella pittura di Whistler si ascoltano “Symphony in White # 2” echi della cultura giapponese. Tuttavia, il servizio di porcellana, i fan e i fiori rosa, che ricordano i fiori di sakura, sono solo dettagli qui, e l’attenzione non è focalizzata su di essi: l’artista pone altri obiettivi per se stesso.

La tela raffigura una giovane donna che esamina tristemente l’anello nuziale sulla sua mano sinistra e apparentemente ricorda la sua amata, con la quale è attualmente separata per qualche motivo. La scena è piena di tristezza luminosa, un’aura di triste premurosità. La ricezione compositiva della riflessione speculare enfatizza il misterioso umore dell’immagine.

“The Girl in White” rappresenta la rottura decisiva di Whistler con il realismo. Nel 1864, durante una presentazione alla Royal Academy di Londra, il quadro stupisce e approva tutti coloro che, nelle parole del poeta Charles Baudelaire, consideravano la pittura realistica “una guerra con la fantasia”.

In questa foto Whistler ha cercato di combinare eleganza e buon gusto con l’immaginazione. “La raffinatezza è sempre stata per lui l’elemento dominante, il portatore di tutto il meglio, una combinazione di emotività e precisione”, ha detto uno dei suoi amici di Whistler. Fantasia, raffinatezza raffinata ed eleganza, intrinseche alla personalità stessa dell’artista e incarnate con successo in “La ragazza in bianco”, rendono questa foto una delle opere più illustrative di Whistler.

Nel 1867, l’artista aggiunge al titolo dell’immagine il termine musicale “Symphony in White No. 2”. A suo avviso, l’armonia dei colori dovrebbe agire sullo spettatore come un brano musicale, e quindi Whistler cerca di trovare un’unità armoniosa di un gran numero di sfumature di bianco.