Still Life: Vaso con rose – Vincent Van Gogh

Still Life: Vaso con rose   Vincent Van Gogh

Nel 1889, Van Gogh si trasferì volontariamente in un ospedale psichiatrico, che si trovava nell’ex monastero di Saint-Remy. Il suo medico, insieme a suo fratello Theo, ha creato tutte le condizioni necessarie per far funzionare Vincent. Scrisse i panorami delle finestre dell’ospedale, nature morte con fiori e il giardino, copiò le opere di altri artisti.

Questo lavoro, scritto alla fine della sua permanenza in ospedale, è ora conservato nella National Gallery di Washington. L’artista ha raffigurato un vaso con rose. Il bouquet un tempo lussureggiante di fiori arruffati e avvizziti si inclina verso il basso, alcuni di essi giacciono senza vita sul tavolo.

L’umore di avvizzimento e malinconia permea l’intera tela. La combinazione di colori insolitamente chiari si basa su una combinazione di tonalità decolorate di blu, verde e rosa. L’artista rende freddo anche il colore marrone della brocca aggiungendo pennellate blu alla parte in ombra.

Sfondo chiaro striato di pennellate bianche ondulate. I contorni di fiori e foglie hanno anche una forma indefinita e apparentemente traballante, che, in combinazione con il colore, li rende quasi intangibili. Per dare chiarezza all’immagine, l’artista circonda i singoli elementi con un contorno sottile.

L’immagine trasmette uno stato d’animo di leggera tristezza, che tuttavia non porta alcun negativo. Piuttosto, è il dolore di un pittore sfinito dalla malattia dell’artista, che vede nella natura e nella creatività un contrappeso al suo grave stato emotivo.