Stepan Razin – Vasily Surikov

Stepan Razin   Vasily Surikov

Un’enorme tela di 6 metri – l’ultima immagine storica dell’artista – raffigura un episodio della vita dell’amato eroe di racconti e canzoni popolari. Scritto magistralmente, ma senza drammi polifonici complessi.

Stepan Razin è un cosacco e capo capitano che nel 1670 sollevò una rivolta contadina sul Volga, che si sviluppò in una potente guerra contadina che durò per circa un anno – dalla primavera del 1670 all’aprile del 1671. Nel potere dei cosacchi c’erano Saratov, Samara, Astrakhan. Dopo che il patriarca di Mosca diede a Razin un anatema, l’ataman fu catturato dagli ufficiali cosacchi e estradato alle autorità.

Nel giugno 1671, fu giustiziato pubblicamente a Mosca.

L’immagine mostra una barca che naviga lungo l’ampia e spaziosa superficie del fiume. È subordinato alla composizione diagonale: galleggia da in basso a destra in alto a sinistra. Nel mezzo della torre sui tappeti il ​​capo stesso è disteso, immerso in un pensiero difficile, il suo viso è serio, la postura mostra tensione e vigilanza. I cosacchi lo circondano: chi è ai remi, chi dorme, chi beve, chi suona uno strumento musicale.

Convenzionalmente, sono divisi in 2 parti: quelli che sono a poppa sono allegri e spensierati e personificano i giovani e i fremen cosacchi; al naso – rematori, uniti da una causa comune, tesi e stanchi. I remi sollevati al momento in combinazione con la vela allungata danno alla barca una somiglianza simbolica con un uccello in volo.

La figura di Razin si trova al centro dell’immagine e attira quindi l’attenzione principale dello spettatore; nulla distrae da esso, intorno solo all’acqua e al cielo. L’atmosfera del silenzio mattutino è trasmessa da una foschia bianca sull’acqua e da un bagliore dorato della luce solare che copre la superficie liscia del fiume. L’immagine è sostenuta in toni scuri e crea l’impressione piena di ansia.

La prima versione del dipinto fu mostrata al pubblico nel 1906, durante il periodo che in seguito fu chiamato la Prima Rivoluzione Russa. “Nel colpo più rivoluzionario”, ha detto l’autore. L’essenza ideologica del quadro è rilevante per il tempo: il destino delle persone che si sono pronunciate contro il governo. Questo non è un invito all’azione e non una protesta violenta, ma riflessioni sul destino delle persone in epoche storiche cruciali – sull’esempio dell’era pre-petrina.