Stella del mattino – Alphonse Mucha

Stella del mattino   Alphonse Mucha

Il dipinto “Morning Star” dell’artista ceco-moravo Alphonse Maria Mucha è stato realizzato secondo tutte le regole dell’Art Nouveau. Questo è un tipo di stile moderno, rinforzato con linee decorative e ornamenti. Questo lavoro non fa eccezione ed è saturo di ornamenti floreali stilizzati attorno all’intero contorno della cornice. Questa è una tela abbastanza stretta con una bella composizione del personaggio principale – la stessa stella.

Cosa colpisce prima? Raggi freddi di colore del bordo. Sono eliminati da figure trapezoidali dal modello generale di linee morbide e colori caldi.

La stella è bella e femminile, ma la sua luce è inesorabilmente grigia.

La fonte del bagliore giace nel palmo aperto o, come il terzo occhio di Shiva, è incrostato in un’ampia fronte. I tratti orientali del viso della ragazza parlano di etnia. Apparentemente, questa stella non si adattava alla bellezza della donna slava.

Ciò contraddice l’atteggiamento riverente dell’autore nei confronti della cultura slava pagana.

Lo sfondo selezionato per la mosca è in polvere con il colore della cannella o della senape in polvere. Questo è scoraggiante e non fornisce una chiara definizione dell’ora del giorno. Se al mattino, perché nebbioso e senza vita?

La stella ritorna di notte, lasciando spazio a colori vivaci. La sua palatina battuta dal tempo e dal vagare lontano, acquisì il colore e la rigidità dell’argilla. Le pieghe del tessuto sono ruvide, i bordi stanno per scoppiare, rivelando l’accampamento femminile finale.

La stella Alfonso non è più giovane.

L’età dà un aspetto languido e comprensivo del tracker, piacevole pienezza, mancanza di linee angolari, capelli accuratamente raccolti. Tuttavia, il seno della donna è ancora resistente e volutamente coperto con un tessuto trasparente. Donna al mattino Una donna che non ha dormito tutta la notte.

La sua luce non è più così luminosa e l’alba viene rifratta. Che cosa sta cercando? Forse rifugio, e quindi scruta così lontano, nello spettatore, in noi? I colori opachi del mattino, la foschia pallida della nebbia, la tavolozza calma dell’immagine cullano e non rinvigoriscono la mente assonnata.

La bellezza orientale vola ed è pronta a fare un passo oltre i limiti di ciò che dà un tocco di nomi secchi “moderno” e “Art Nouveau”.