Sperimenta un uccello in una pompa ad aria: Joseph Wright

Sperimenta un uccello in una pompa ad aria: Joseph Wright

Questa tela porta l’impronta di un genio e non ha analoghi nel genere del ritratto. L’azione della foto si svolge di notte in una stanza buia, in cui un gruppo di amici e persone affini si riuniscono per vedere una dimostrazione di un nuovo dispositivo, una pompa ad aria, le cui caratteristiche funzionali sono mostrate con l’aiuto di un uccello che soffoca nel vuoto.

Wright combina l’alto dramma della scena con la realtà prosaica e fa sentire lo spettatore come testimone dell’esperimento, trasferendo con cura le sue osservazioni naturali sulla tela. L’assenza di un personaggio centrale ha lo stesso scopo.

La presenza di candele e l’atmosfera generale del dipinto testimoniano le influenze di Caravaggio, Rembrandt, Gerard Dow e altri maestri meno noti.

Come modelli, Joseph Wright ha usato i suoi amici e vicini, creando meticolosamente archetipi di età, genere e comprensione della situazione. Ad esempio, la giovane coppia a sinistra è troppo passionale per prendersi cura del tragico esperimento che rende impossibile la respirazione dell’uccello, mentre le ragazze a destra piangono il destino del cacatua. Il padre cerca di consolarli, spiegando che non tutta l’aria verrà rimossa e l’uccello sopravviverà. Più a destra, un signore con gli occhiali in mano, pensava alla vita, alla morte e al posto di una persona in questo sistema. Wright di Derby dimostra la sua opinione sul ruolo delle donne e degli uomini nella società e sul paradigma del loro comportamento.

Gli uomini si affidano ai pensieri con logica, mentre le donne tendono a percepire tutto emotivamente.

Vale la pena notare il realismo dell’attrezzatura rappresentata. La pompa, che è il dispositivo principale in questa storia, corrisponde ai veri prototipi di quel tempo. Inoltre, si possono vedere una candela, un tappo e gli emisferi di Magdeburgo, che servono a dimostrare la pressione esercitata da un vuoto, che fa eco alle funzioni della pompa.

Si ritiene che la sfera di vetro e il cranio umano in questa immagine siano un promemoria della morte, il motivo comunemente usato nelle opere di Vanitas, evidenziando la natura passeggera dei piaceri terreni e la transitorietà della vita.