Sotto la corona – Konstantin Makovsky

Sotto la corona   Konstantin Makovsky

Konstantin Egorovich Makovsky è nato in una famiglia che considerava l’arte come il significato della vita.

Konstantin Egorovich ha ereditato da suo padre la sua passione per la raccolta di oggetti d’arte, antichità, artigianato popolare, oggetti di arte applicata. Non solo ha continuato a collezionare, ma ha anche usato i tesori della cultura oggettiva della Russia raccolti in viaggi per il paese nei suoi numerosi dipinti.

Composizioni a più figure come “Scelta della sposa dello zar Alexei Mikhailovich”, “Settimana del pancake a San Pietroburgo”, “Festa del matrimonio Boyarsky” e molti ritratti di “Boyaryn” e “Boyarishen” sono pieni di autentici dettagli etnografici trasmessi con facilità e abilità artistica.

Nella sua carriera artistica, KE Makovsky ha goduto fin dalla tenera età come ritrattista, come creatore dei dipinti del “ciclo boyar”, un incredibile successo. Guadagnava un sacco di soldi, poteva permettersi molto, ma viveva secondo la testimonianza dei suoi contemporanei, molto modestamente, investendo tutto il denaro gratuito nella sua collezione.

Nel dipinto “Sotto la corona” Makovsky fa riferimento alla trama senza tempo del matrimonio. Al centro della composizione c’è una donna di mezza età. È vestita con un ricamo riccamente decorato e perline vestito da boyar di epoca pre-Pietro il Grande. Secondo l’usanza, prima del matrimonio, si pettina i bei capelli lunghi di una ragazza seduta su una sedia con un vestito bianco.

La tradizione prescriveva alle ragazze non sposate di intrecciare i capelli in un’unica treccia con un inchino alla fine o con una “taglierina” all’inizio della treccia. Per la corona, la sposa stava già camminando con i capelli di una donna sposata: i suoi capelli erano intrecciati in due trecce sulle tempie e disposti in un cerchio o intorno alla sua testa e un guerriero era vestito sopra di loro. Proprio questa scena e interpretato Konstantin Egorovich Makovsky in tutto il suo dramma e festività.

Intorno si radunavano damigelle, sorelle e cugine, un ragazzino. La bara con le pietre è aperta e le perle di perle scivolarono fuori da essa e si sparsero sul tavolo della toeletta. Con pennellate virtuose gratuite, Makovsky scrive tutto questo lusso bizantino e facce giovani e luminose, orientandosi liberamente negli schemi di tappeti, pizzi, ricami, kokoshnik con perline ricamate e inclinati.

L’artista era insito in una visione festosa elevata, probabilmente influenzata da K. P. Bryullov con il suo brillante accademismo. Nel dettaglio, ma molto liberamente e pittoricamente, scritto, riccamente decorato con ricami e perle di abbigliamento, oggetti di uso quotidiano e arredi sotto i raggi del sole creano in una composizione multi-figurata, con angoli complessi, una gioiosa atmosfera festosa.

Le opere di Konstantin Egorovich si svolgono sempre di fronte al pubblico, come una magnifica rappresentazione teatrale, come una grande esibizione. Quindi in questa foto l’artista ci fa sentire tutto l’umore penetrante del momento, tutte le circostanze, tutta la bellezza della vita boyar, tutta la tragedia e l’intera festività dell’evento.