Snow Maiden – Viktor Vasnetsov

Snow Maiden   Viktor Vasnetsov

Snow Maiden – il personaggio fiabesco preferito delle vacanze di Natale. Vasnetsov crea la propria immagine chiaramente sotto l’influenza della fiaba di Ostrovsky e dell’opera Rimsky-Korsakov.

Notte favolosamente bella: bosco innevato, chiaro di luna, cielo stellato. La fanciulla di neve ha appena lasciato la foresta, è pronta a fare il primo passo verso le persone. Lontano puoi vedere le luci del villaggio.

In quel momento, era spaventata, pallida, ma risoluta, l’ultima volta che guardava di nuovo a casa sua: la foresta. Sembra che i suoi occhi siano pieni di lacrime e il momento successivo ti rendi conto che la fanciulla di neve non può piangere.

Prima dell’eroina, trappola appena percettibile o una trappola. Gli alberi sono circondati da uno splendore in cui è possibile distinguere gli occhi e le bocche spalancate. La foresta nativa avverte Snow Maiden del pericolo.

A sinistra, dietro una fantastica eroina, la sagoma umana è facilmente leggibile. La mamma la accompagna, il padre Frost…

L’ansia riempie il quadro, una premonizione di guai. No, la fanciulla di neve passa una trappola per la bestia. Ma presto cadrà in una trappola completamente diversa.

Yarilo-Sun ucciderà la figlia di Frost e Spring per aver conosciuto l’amore senza essere umani.

Le luci del villaggio sembrano scortese, come un mostro dall’oscurità. Non è facile per la fanciulla di neve fare una scelta. Ma il momento successivo, avanza coraggiosamente verso un nuovo, alieno, sconosciuto.

Il suo vestito ha assorbito tutte le sfumature di neve, legno, cielo. Abbagliante neve bianca, notte blu-verde, giovani alberi di Natale in primo piano – tutto nell’immagine è scritto con straordinaria precisione e autenticità. Il racconto non tollera bugie.