Serata silenziosa – Edward Burne-Jones

Serata silenziosa   Edward Burne Jones

La reputazione di Burne-Jones aveva già raggiunto il picco quando iniziò a lavorare a “Quiet Evening”. I suoi dipinti sul tema di “La bella addormentata nel bosco” suscitarono scalpore quando furono esposti nella galleria di Agnew; intere folle accorrevano alla mostra per osservare le enormi tele per le quali l’artista riceveva un’enorme somma di quindicimila sterline. Sebbene Burne-Jones abbia finalmente raggiunto l’indipendenza finanziaria, ha continuato a lavorare sodo e ha ottenuto nuovi successi.

Per il ritratto, Elizabeth Keane ha posato; Il nome del dipinto in traduzione latina significa “Serata silenziosa”. Bessie era una delle modelle preferite di Burne-Jones. Graham Robertson notò che spesso ricopriva il ruolo dell’angelo o della ninfa “principale” nelle tele successive dell’artista.

L’espressione dell’eroina, vestita con un abito blu scuro, misteriosamente, come il paesaggio sullo sfondo; Bern-Jones potrebbe aver inviato lo spettatore all’immagine altrettanto ambigua di Leonardo da Vinci – “Mona Lisa”. Bern-Jones imita le tradizioni della pittura rinascimentale italiana – l’eroina, scritta in tre quarti, è basata su una balaustra.

“Una serata tranquilla” fu esposto alla Nuova Galleria nel 1894, e il critico Frederick Stevens suggerì che l’edificio sullo sfondo fosse un “cortile del monastero vuoto”. Il fatto che la donna giri l’anello al dito può indicare che diventerà una suora.

Beddington, che lasciò in eredità l’immagine alla Tate Gallery, ricordando la creazione di “Resto della sera”, disse che dipinse dapprima la figura con un’ombra, poi dipinse il suo viso con vernice bianca e umbra, toccò leggermente le labbra rosse, le narici e gli occhi e dipinse tutti i colori luminosi, incluso il blu colore del vestito. Ha usato una miscela di olio di lavanda e trementina come solvente e ha lavorato con una spazzola piatta per mantenere la base liscia.