Scultura – Edgar Degas

Scultura   Edgar Degas

Degas iniziò a scolpire piccole sculture in cera alla fine del 1860 e, man mano che la sua visione si deteriorava, l’artista prestò sempre più attenzione a questo particolare genere. I temi delle sculture di Degas hanno ripetuto i temi dei suoi dipinti: ballerini, bagnanti o fantini al galoppo.

Queste opere di Degas sono state scolpite da sole, hanno sostituito gli studi con lui, e solo alcune sculture ha finito fino alla fine, e ne hanno pubblicato solo una per tutta la sua vita: “la ballerina di quattordici anni”. Realizzate in cera, queste sculture erano molto fragili e fragili, ma dopo la morte di Degas, furono trovate nel suo laboratorio circa 70 opere conservate e gli eredi dell’artista le trasferirono sul bronzo – Degas stesso non ha mai lavorato con il bronzo. I primi campioni di queste sculture apparvero nel 1921.

Per molti anni si credeva che le stesse sculture di cera, da cui erano realizzate le fusioni, non potessero sopravvivere, ma furono trovate nel seminterrato nel 1954; A quanto pare, per il casting sono stati utilizzati duplicati appositamente realizzati. L’anno seguente, tutte le sculture in cera di Degas furono acquistate dal collezionista americano Paul Mellon, che, donando una piccola parte del Louvre, ne detiene ancora la maggior parte. Circa 20-25 pezzi fusi sono stati realizzati con ogni scultura di cera, quindi il numero totale di copie è di circa 1.500.

Alcuni di essi possono essere visti nei principali musei di tutto il mondo e in alcuni luoghi, ad esempio nel Glypotek Nyu Karlsberg, a Copenaghen, ce ne sono completi set.