Santi Apostoli Pietro e Paolo – El Greco

Santi Apostoli Pietro e Paolo   El Greco

El Greco è l’autore di nuovi cicli di chiese apostoladi a lui sconosciute in Spagna. Il dipinto dell’Ermitage “Apostoli Pietro e Paolo” li confina da vicino.

Il confronto in un’opera di Pietro e Paolo è stato di particolare interesse per l’artista. Secondo le Scritture, Paolo, prima di adottare il cristianesimo, perseguitava violentemente i seguaci di questa fede, ma, dopo essersi unito a essa, ne divenne un fanatico sostenitore. Al contrario, l’apostolo Pietro, uno dei più vicini discepoli di Cristo, non si distingueva per coerenza e forza d’animo.

Qualche volta esitava, tradiva il cristianesimo, ma, pentendosi, tornava di nuovo da lui.

Nel dipinto di El Greco, Paolo è al centro. È raffigurato al momento del sermone, appoggiando la mano sul libro. La sua figura è evidenziata non solo di fronte, ma anche coloristicamente. Il principale mantello colorato è il mantello rosso scuro del santo con pieghe larghe e largamente piegate.

La testa dell’apostolo è scritta in modo superbo: il contorno è delineato con forza e vigore, i volumi del cranio, degli zigomi e del naso sono ben definiti. Occhi scuri che bruciano rendono il viso particolarmente espressivo. Paul è interpretato da un uomo forte e convinto.

Accanto a lui, Peter sembra debole, indifeso. La sua vecchia testa grigia piegata, nell’espressione del suo volto, chiedeva perdono.

Gli apostoli di El Greco sono lontani dalle immagini canoniche dei santi adottate dalla chiesa ufficiale. Sono scritti in un modo ampio, libero, di temperamento, insolito per la Spagna del XVI secolo e quindi apparentemente particolarmente audace. Quando guardi quest’opera, diventa chiaro perché il re spagnolo ha respinto il talentuoso maestro: i santi da lui raffigurati non suscitano il desiderio di pregare.