Sacra Famiglia e Angeli – Rembrandt Harmens Van Rhine

Sacra Famiglia e Angeli   Rembrandt Harmens Van Rhine

Durante gli anni ’40, Rembrandt affrontò più volte il tema della sacra famiglia. Una delle migliori soluzioni di questo tema è il dipinto dell’Ermitage “La Sacra Famiglia”, creato dall’artista nel 1645. La scena del Vangelo offre allo spettatore molte associazioni con la vita quotidiana delle persone, il moderno Rembrandt. Il silenzio e la pace sono disturbati solo dai suoni familiari della vita domestica.

Si sente scoppiettare la legna da ardere, si sente un leggero tintinnio monotono dell’ascia di un falegname.

La stanza è avvolta da un delicato crepuscolo; la luce penetra delicatamente da varie fonti, scivolando dolcemente attraverso il volto di Maria, illuminando la culla, dando la tonalità raffigurata della spiritualità. Il bambino si agitò leggermente nel sonno e la donna, obbedendo al sottile istinto materno, si distacca dalla lettura, solleva il baldacchino e guarda ansiosamente il bambino. Lei – molto sensibile, molto vigile.

In sostanza, la grande umanità e la penetrazione dell’immagine sono create solo da una delle sue opinioni.

L’elevazione della luce del momento catturato si riflette anche nel fatto che gli angeli scendono silenziosamente verso la madre e il ragazzo. In questo lavoro, l’artista sembra avere qualcosa in comune con i maestri del genere domestico olandese. Ma a differenza di loro, non il tranquillo conforto della vita di tutti i giorni riguarda Rembrandt in primo luogo, ma la grande bellezza delle semplici relazioni umane.

Quando osservava una donna seduta sulla culla di suo figlio, tutto ciò di cui aveva bisogno era vedere solo uno dei suoi movimenti tremanti, un minuto giro di testa, uno sguardo ansioso per sentire la poesia del sentimento materno.