Rovescia il Volga vicino a Yaroslavl – Alexey Savrasov

Rovescia il Volga vicino a Yaroslavl   Alexey Savrasov

Savrasov è un vero cantante di primavera, e nella sua sensazione del suo poro originale è molto vicino ai migliori poeti russi, come Tyutchev, Fet, Nekrasov. L’artista ha sentito acutamente il momento del risveglio della natura dal letargo e nelle sue opere ha ovviamente riempito questa “trama” di significato religioso.

Detto questo, intendiamo, ovviamente, non quasi le indispensabili sagome dei templi sulle sue tele, ma l’esperienza interiore di “altezza” che è caratteristica di esse. L’espressione di questa esperienza potrebbe essere diversa: e con un potente respiro di spazio, che ha scioccato lo spettatore – come nell’opera “Spill of the Volga near Yaroslavl”, 1874; e suonando musica tranquilla – come nell’opera “Early Spring. High Water”, 1868.

L’artista non ha perseguito la bellezza esternamente sorprendente – per questo motivo il suo amato mese è la marzo monotona, e per niente maggio con il suo selvaggio colore ribollente. Bene, qual è la bellezza qui? Betulle bagnate nude, acqua fangosa fangosa, resti dell’erba appassita dell’anno scorso… Eppure – l’anima rabbrividisce nei paesaggi primaverili di Savrasovsky, si arrende docilmente al loro fascino, inizia a suonare all’unisono con la loro musica.

Ancora una volta, tutte le opere del maturo Savrasov sono insolitamente musicali, “espresse” dal fischio del vento fresco, dal canto degli uccelli, dallo schianto delle gemme che scoppiano. E, soprattutto, questo vale per le sue opere “primaverili”.