Rosa rossa – Henri de Toulouse-Lautrec

Rosa rossa   Henri de Toulouse Lautrec

Fondazione Barnes, Marion, Pennsylvania. Lautrec ha scritto instancabilmente. E bevuto troppo instancabilmente.

Sghignazzando come un galletto, sfoggiava la sua vita dissoluta, allontanandosi dagli insegnamenti morali di Bourges, Albert e di tutti coloro che erano angosciati dal suo comportamento con cinica disinvoltura.

Rise: “Devi essere in grado di sopportare te stesso”.

Scrisse le donne di strada di Montmartre, le “ragazze” come venivano chiamate. Ora dai suoi dipinti, in cui ritraeva ragazze di facile virtù, noiose e infelici, respirava tristezza. Ma lui stesso rise, rise come se non ci fosse tristezza.

A volte, tuttavia, le parole gli uscivano: “Chi dice che non gliene frega davvero non se ne frega niente… perché chi non gliene frega davvero niente non ne dice nulla.” Era difficile dire su chi e cosa stesse pensando in quel momento.

Per qualche tempo, l’attenzione di Lautrec ha attirato un visitatore abituale “Elise-Montmartre”, con i capelli rossi che cadevano a ciocche dritte sul suo stretto viso magro.

Da dove provengono questa rosa, Lokhmat e capelli rossi?

Questa ragazza con un’espressione facciale triste e animale divenne presto una delle modelle preferite di Lautrec. Ha fatto diversi studi con lei. Nel film “In Monruzhe”, che Bruant appende nel suo cabaret, Lautrec la scrisse in piedi vicino alla finestra in una stanza buia, mezzo girata verso la luce, con una ciocca di capelli che gli cadeva sugli occhi. I suoi capelli arruffati e il profilo spiccano su uno sfondo chiaro. Immagine tragica affascinante!

Alcune delle amichevoli intenzioni hanno avvertito Lautrec che non dovrebbe fare troppa conoscenza con Ginger Rose: “Stai attento, cara, può farti un regalo dal quale non ti libererai mai”.