Romani sotto il giogo – Charles Gleyre

Romani sotto il giogo   Charles Gleyre

La tela di percezione complicata “Romani sotto il giogo” appartiene all’accademico Charles Gleire. L’immagine ha un nome più completo nell’interpretazione tedesca di “Die Helvetier zwingen die Römer unter dem Joch hindurch”, altrimenti: “Gli elmetti costringono i romani a passare sotto il giogo”. La trama riflette l’evento storico, prescritto da alcuni storici alle conseguenze della battaglia di Arauzion, e altri – alla battaglia di Teutoburgo.

Tuttavia, l’autore ha mostrato un’azione più specifica e locale: la battaglia dell’Agen francese. Questo evento del 107 a. C. si concluse con la sconfitta dei Romani da parte degli Helvetides – la tribù più numerosa dei Celti nel territorio della Gallia – costituì la base della trama storica della tela. La narrazione è dura, molto affollata e triste. Gli elvetici semi-selvaggi, avendo acquisito la superiorità sui soldati romani, apparvero nella foto esultanti e pesanti. Quello a destra con la testa di un toro, ovviamente felice e non nasconde la sua rabbia, celebra la vittoria, alzando le mani ai nudi prigionieri di guerra.

Sullo sfondo, a quanto pare Divico stesso – il leader, sotto il cui comando fu sconfitto l’esercito romano. È raffigurato come un cavaliere in un abito complesso.

Lo sguardo di Diviko è rivolto ai vecchi e alle donne che chiedono pietà. Tra la folla di vincitori ci sono bambini in fuga, pallidi e infelici. Uno dei ragazzi sta cercando di mantenere il ragazzo, che ha visto suo padre catturato dagli uomini. L’inclusione della sventura infantile conferisce al lavoro sintesi e un gusto speciale di sale e dolore. Gli stessi prigionieri sono belli.

I loro corpi sono muscolosi, la loro pelle gioca linee elastiche della natura alla luce del sole, soldati eccellenti, forti e orgogliosi. Sono coraggiosi, ma deboli nella loro impotenza per salvare i propri cari. Helvetam non sapeva che Cesare avrebbe presto rialzato il suo esercito per distruggerli. Nel frattempo, gioia e sorriso dalla vittoria ottenuta giocano sui volti dei selvaggi. Grin, dipinto ad olio, colori caldi di una giornata calda.

La lettera fluida di Charles Glera ti fa staccare dalla trama.

La tecnica è così virtuosa che smetti di essere introdotto all’essenza della trama. Voglio considerare ogni tratto di lavoro, una miscela di colori nell’ombra, il trasferimento di riflessi e il volume degli oggetti. È difficile immaginare che l’artista avesse molti compiti: strappare un pezzo dalla storia, creare uno schizzo, immagini, dolore e giubilo per unire insieme, prescrivere il piano dell’orizzonte lontano, l’immagine frontale è satura di personaggi, bambini, anziani, catene di legno, accoppiati al potere dei muscoli vincolati… Charlie è riuscito a dichiarare l’essenza del momento della storia, che può sembrare preistorica e fantastica per un contemporaneo, a sopportare il dolore della sconfitta, a provare la gioia della vittoria, a passare attraverso il pennello, come attraverso le tue stesse dita, hai già dimenticato la sabbia volte s.