Ritratto di Yazmurad Orazsakhatov – Izzat Klychev

Ritratto di Yazmurad Orazsakhatov   Izzat Klychev

L’artista popolare dell’URSS Izzat Klychev – uno dei principali maestri della pittura sovietica. Cerca di creare opere di suono civile, in grado di trasmettere il significato della nostra era, la grandezza dell’uomo di lavoro. Il ciclo di ritratti di operai turkmeni creati dall’artista ha avuto origine da un profondo studio della vita.

Klychev visitò i costruttori del Canale di Karakum, gli allevatori di bestiame del Turkmenistan. “Senza studiare la realtà – scrive l’artista – senza comunicazione con i gloriosi operai di villaggi e città, la comparsa di opere veritiere, illuminate dal pensiero, intrise di grande sentimento, è impossibile per le opere del suono civile”. Quindi, dopo aver trascorso quasi un mese nella brigata del famoso coltivatore di cotone Yazmurad Orazsakhatov, Klychev ha catturato l’immagine di un uomo saldamente collegato al processo del lavoro stesso, con la sua terra natale. Descrisse Orazsahatov proprio nel campo, vicino alla bilancia.

Il paesaggio soleggiato del Turkmenistan, le figure di persone che lavorano in lontananza danno immediatezza al ritratto.

Nella pittura sovietica degli anni ’50 -’60, gli artisti cercavano di mostrare la vita senza abbellimenti, per rappresentare la vita lavorativa di tutti i giorni. Allo stesso tempo, evitando le piccole famiglie e la vita di tutti i giorni, prendono la strada della ricerca della monumentalità e del significato dell’immagine, che a volte dà origine a forme marcatamente ingrandite. Tutte queste caratteristiche si possono notare nei ritratti di Klychev.

Allievo dell’Istituto d’arte di Leningrado. I. Sì. Repin, un artista che conosce e rispetta profondamente l’arte russa, Izzat Klychev ha forti legami con la cultura nazionale turkmena. Vive e lavora ad Ashgabat, ha un ottimo lavoro di insegnante.

L’opera dell’artista turkmeno divenne organicamente parte dell’arte multinazionale sovietica. Le opere create da Klychev sono state al primo posto nelle collezioni dei più grandi musei del paese.