Ritratto di V. D. Rimskaya-Korsakova – Franz Xaver Winterhalter

Ritratto di V. D. Rimskaya Korsakova   Franz Xaver Winterhalter

Franz Xavier Winterhalter è un artista poco conosciuto in Russia, nonostante alcune delle sue opere siano conservate all’Ermitage. A metà del XIX secolo, era considerato uno dei maggiori ritrattisti in Europa. Le sue creazioni sono una lunga schiera di imperatori, imperatrici, bambini intitolati, nobili signore e signori.

Il ritratto parigino di Barbara Dmitrievny Rimskaya-Korsakova è stato scritto da Winterhalter quando questa bellezza russa aveva 30 anni. Il mantello bianco con nastri blu crea solo l’illusione di un vestito. E poi una doppia impressione: Varvara Dmitrievna sembra allo stesso tempo nuda e ovattata.

Una bellezza naturale che ha respinto tutti i piccoli trucchi: non ci sono decorazioni se non gocce di orecchini nelle orecchie. Varvara Dmitrievna proveniva dalla nobile famiglia Kergoma dei Mergasov. All’età di 16 anni, l’affascinante Varenka Mergasova ha sposato un laureato all’Università di Mosca, un spiritoso e allegro bell’ussaro, favorito della “luce” Nikolay Korsakov, la cui famiglia ha lasciato un segno evidente nella storia della cultura russa.

Leo Tolstoy conosceva Nikolai e Varvara Korsakov a Mosca e li portava con nomi trasparenti in Anna Karenina nella foto della palla.

Più tardi, dopo essersi separata con suo marito, si stabilì a Nizza. Il principe D. D. Obolensky, che conosceva bene Varvara Dmitrievna, scrisse di lei che “era considerata non solo San Pietroburgo, ma anche bellezza europea. Brillava in acque straniere, bagni al mare, a Biarritz e Ostenda, così come nelle Tuileries, nel mezzo della folle i lussi dell’imperatrice Eugenia e lo splendore di Napoleone III, V. D. Korsakov, condividevano i loro successi tra la grande luce di Pietroburgo e la corte francese, dove il suo nome era la Venere tartara “. Fu chiamata in Francia “Tatar Venus”.

A Korsakova, ci si sente nativi delle coste del Volga, che da secoli a secolo hanno dato rifugio agli slavi, ai Kalmyk e ai Bulgari. Korsakova adorava il ritratto di Winterhaltersky. Ha decorato la copertina del suo libro. Probabilmente nelle raccolte di biblioteche in Francia, è conservato fino ad ora.

Si può solo indovinare quale significato si trova nell’epigrafia del libro scritto da lei: “Le privazioni e le sofferenze mi hanno indicato Dio, e la felicità mi ha fatto conoscere Lui”.