Ritratto di uno sconosciuto in un cappello a tre punte – Fedor Rokotov

Ritratto di uno sconosciuto in un cappello a tre punte   Fedor Rokotov

Nella casa dello Struysky c’era un ritratto di un giovane dai lineamenti delicati, una magnifica cravatta e un mantello che drappeggiava una figura.

L’immagine dell’ignoto in un cappello a tre punte è piena di fascino della giovinezza negligente. Il viso di un giovane con vivaci occhi scuri, un sorriso accogliente, un rossore delicato e fresco nasconde una sorta di eufemismo: i lineamenti del viso sono morbidi e femminili. Un cappello a triangolo brillante aggrava, un caftano dorato splende attraverso un domino nero mascherato trasparente e una leggera schiuma di volant di pizzo cade sul petto.

Sul retro del ritratto c’era una misteriosa iscrizione criptata. La somiglianza del volto di uno sconosciuto in un cappello a tre punte con i ritratti esistenti di A. G. Bobrinsky servì da molto tempo come base per considerare il giovane raffigurato in una maschera da domino come figlio di Caterina II e del conte Grigory Orlov, nato nel 1762 e dato il nome e il titolo del conte Bobrinsky. In questo caso, il ritratto avrebbe potuto essere dipinto nel 1780, a cui la natura stessa del dipinto non contraddice.

Tuttavia, con l’aiuto di radiografie e studi speciali, è stato possibile dimostrare che in effetti il ​​ritratto raffigura una donna con i tratti del viso tataro ed è scritto sopra “sconosciuto in un cappello a tre punte”. Nel primo e nel secondo caso, l’artista Rokotov scrisse la stessa persona: la prima moglie delle Olimpiadi di Struysky, che morì di parto. Apparentemente, Nikolai Yeremeyevich ordinò di rifare una donna in un uomo, in modo da non mettere in imbarazzo i teneri sentimenti della nuova giovane moglie e non suscitare la sua gelosia.