Ritratto di una ragazza in rosso – Jan Vermeer

Ritratto di una ragazza in rosso   Jan Vermeer

Dipinto dell’artista olandese Jan Vermeer di Delft “Ritratto di una ragazza in cappelleria rossa”. La dimensione del ritratto è di 23,5 x 18 cm, legno, olio.

Questa piccola immagine ti consente di apprezzare l’abilità dell’artista nel rappresentare l’interazione di colore e luce. La figura di una donna con un vestito un po ‘esotico e un cappello stravagante si trova molto vicino allo spettatore. Si appoggia con la mano destra sullo schienale di una sedia decorata con volute e teste di leone intagliate.

Lo spazio limita l’arazzo dietro la schiena dell’eroina. La ricchezza di colori – il lussuoso colore blu del mantello, i cappelli rosso fiammeggiante, i toni verdastri e rosa del viso, enfatizzati dal bianco del colletto e degli orecchini di perle – rendono questa immagine unica nel patrimonio di Vermeer.

Questa è la sua unica opera scritta su un pannello di legno. La superficie densa e liscia del legno non assorbe la vernice, come una tela, e la superficie dell’immagine è più brillante. Forse Vermeer ha deciso di utilizzare il legno come base per trasmettere l’effetto della luce.

Ma la persona ritratta è scritta in modo tradizionale. Nella foto dell’artista olandese, il bordo illuminato del cappello domina e l’intensità della luce è così grande che il bordo del copricapo sembra trasparente. I toni viola della parte inferiore del cappello, che è all’ombra, sono in armonia con il mantello blu.

Solo la guancia sinistra della ragazza è illuminata, l’ombra sul suo viso è evidenziata da una glassa verdastra, ma, come riflesso del colore brillante del copricapo, i riflessi rosso-arancio sulle guance. La parte più espressiva del viso della ragazza – gli occhi – rimane nell’ombra, che fa nascere un velo di mistero, progettato per incuriosire lo spettatore. Bagliore di luce sulla punta del naso, le labbra semiaperte sono enfatizzate anche dal bagliore.

Le pieghe del mantello blu scuro sono sottolineate in giallo, il che rende più profondo il colore blu. Gli accenti leggeri – un cappello, i punti salienti sul viso, le camicette con colletto bianco brillante, gli orecchini di perle, le pieghe dei vestiti – risaltano molto chiaramente su uno sfondo scuro. Il volto di una giovane donna – allungato, che ricorda piuttosto il volto di un giovane – non si trova su altre tele di Vermeer.

La ragazza si rivolse allo spettatore, con la bocca aperta, come se stesse per dire qualcosa, ma esitò.