Ritratto di una donna con i capelli – Vincent van Gogh

Ritratto di una donna con i capelli   Vincent van Gogh

Nel novembre 1885, Van Gogh si trasferì ad Anversa. Presto decide di proseguire la sua formazione professionale ed entra all’Accademia di Belle Arti. Ma oltre alle lezioni di disegno e pittura, Van Gag dedica anche molto tempo alla visita dei musei.

La sua attenzione è attratta dalle opere di vecchi maestri, in particolare i dipinti di Peter Paul Rubens.

Nelle opere di questo grande artista del XVII secolo, Van Gogh attira una tecnica semplice e facile. Scrisse a suo fratello che questa leggerezza in realtà sembra essere solo così, perché con l’aiuto di tratti rapidi e audaci Rubens disegna così abilmente così facilmente. I suoi ritratti e le sue figure evocano l’infinita ammirazione di Van Gogh.

Ispirato al lavoro di Rubens, Van Gogh dipinse il ritratto di una donna, cercando di realizzarlo nello stesso modo facile e rapido. Descrive una donna con i capelli scuri e fluenti. Con rapidi tratti pastosi di colori verde-ocra e blu scuro, dipinge lo sfondo, su cui spicca i capelli ricci scuri.

La faccia è scritta su grandi piani ampi. L’artista crea volumi con l’aiuto di ombre profonde e intere aree di luce.

Con l’aiuto di modi audaci di lettere, l’artista ha sottolineato il carattere della donna. Allo stesso tempo, si è concentrato sulle caratteristiche del suo viso. Van Gogh ha trasmesso magistralmente l’aspetto espressivo rappresentato, diretto al lato.

In combinazione con gli angoli abbassati della bocca, gli occhi trasmettono l’incoerenza e la complessità dei suoi sentimenti.