Ritratto di un giovane uomo in grigio – Bartolome Esteban Murillo

Ritratto di un giovane uomo in grigio   Bartolome Esteban Murillo

Senza dubbio, Murillo potrebbe, come Velasquez, diventare un brillante ritrattista. La conferma di ciò lo troviamo nel suo autoritratto, datato 1672-75 anni, dove si dimostrò un eccezionale maestro del ritratto. Tuttavia, questo genere, a quanto pare, non lo attraeva troppo.

Rimase solo un numero molto piccolo di ritratti appartenenti alla sua mano.

Qui sono presentati “Ritratto di un giovane uomo in grigio” e “Ritratto di un signore sconosciuto”, ca. Il 1670 appartiene in tempo a questi rari ritratti. È possibile che la riluttanza di Murillo ad assumere l’incarico di pittore di corte, suggerendo un frequente richiamo al genere del ritratto, sia nata proprio dalla sua antipatia per quest’ultimo.

Non è sopravvissuto un singolo ritratto di alcun membro della famiglia dell’artista, ma si può presumere che spesso abbia dato agli eroi delle sue tele religiose una somiglianza con quelle di casa sua.