Ritratto di un architetto – Pavel Fedotov

Ritratto di un architetto   Pavel Fedotov

Questo ritratto è venuto al Museo Russo dall’ex Museo delle Guardie di Vita del Reggimento finlandese, che una volta fu donato da uno degli ufficiali. Il nome dell’immagine, come puoi vedere, era già stato dimenticato. Nell’esposizione del Museo russo, viene elencato come ritratto di un architetto sconosciuto, l’attribuzione di altri due ritratti, realizzati in tempi recenti, consente ora di chiamarlo.

Architetto sconosciuto – Karl-Augustus Andreevich Beyne.

Nel 1829, Karl Beyne, “il figlio di un maestro di serrature straniere”, invitato in Russia e prestò servizio presso la fabbrica di armi di Izhevsk, tentò di entrare all’Accademia delle Arti. Non è stato accettato dalla gioventù e ha iniziato a frequentare le lezioni dell’Accademia come un estraneo. Quindi divenne assistente di Alexander Bryullov nel suo lavoro sui disegni e nella costruzione della chiesa di Pargolovo, nell’autunno del 1836, C. Beine ottenne il titolo di artista. Nel settembre del 1839, “l’artista libero professionista Karl Beine ricevette la medaglia d’oro della prima dignità per il programma della caserma del reggimento delle guardie”.

Dopo un incendio nel palazzo d’inverno del 1837, le sale da pranzo Grande e Pompeiana decollarono su progetto di Alexander Bryullov. Karl Beine è il suo assistente in tutte le opere.

Il disegno sulla scrivania dell’architetto sul ritratto di Fedotov è un frammento del muro della Great Dining Room, che esiste ancora oggi. Nel 1841, l’Accademia mandò Carl Beyne come pensionato “in terre straniere… per migliorare”. Durante gli anni della pensione in Italia, viaggiò molto per il paese, studiando Roma e Pompeo. Visitato Spagna, Siria, Egitto, Grecia. Morì dalla struttura dell’Acropoli.

In Sicilia ea Istanbul, fece schizzi e misurazioni di chiese bizantine. Gli acquerelli, che inviò in Russia per mostre, il Consiglio dell’Accademia trovarono invariabilmente “eccellenti” e acquisirono stampe per l’ufficio. All’inizio dell’estate del 1849 K. Beyne tornò a San Pietroburgo.

Intorno al 1850, fu di nuovo inviato all’estero, per formare la sezione russa dell’Esposizione mondiale di Londra.

Ritornò in Russia nell’aprile del 1852 e fu “stimato architetto del Gabinetto di Sua Maestà”. Pertanto, il ritratto di K. Beine avrebbe potuto essere dipinto sia in estate che nell’autunno del 1849, quando era a Pietroburgo, o nell’aprile-maggio 1852.