Ritratto di Oscar Wilde – Henri de Toulouse-Lautrec

Ritratto di Oscar Wilde   Henri de Toulouse Lautrec

Non tutte le celebrità hanno accettato di posare per Lotrek, conoscendo la sua intransigenza quando scrivevano ritratti, quando i modelli non erano sempre rappresentati in una prospettiva favorevole, e talvolta, causticamente e caricaturalmente. “Ritratto di Oscar Wilde” – un’immagine scritta contro la volontà dello scrittore stesso.

Durante uno dei suoi viaggi a Londra, dove l’artista si sentiva a casa, incontrò Wilde e non gli piaceva né l’aspetto dell’esteta con modi fantasiosi né il suo comportamento arrogante. Quando lo scrittore respinse la proposta di Lotrek di rappresentare il suo ritratto, l’artista non lo considerò un problema e con tutta la forza del suo pennello affilato creò sul cartone l’immagine psicologica dello scrittore in tutta la sua gloria, trasmettendo sottilmente il suo stato depresso. A quel tempo, Wilde non aveva davvero motivo di essere di buon umore: era accusato di omosessualità e il processo procedeva a tutta velocità.

Il fenomenale ricordo dell’artista ha conservato tutte le sfumature dell’aspetto dello scrittore e, con l’aiuto di una caricatura condizionale, Lautrec ha lasciato ai discendenti la sua “impressione” di rapporti sessuali con una celebrità londinese: il dandy capitale e il bell’uomo, che in precedenza aveva ridotto il gentil sesso, conservavano solo l’aspetto esteriore maestoso, diventando in un uomo anziano e flaccido con facce caricate.

Anche la gloria forte appartiene al passato e all’età di quarantuno anni, uno scrittore di successo andò in prigione.