Ritratto di N. P. Zhdanovich dietro il clavisin – Pavel Fedotov

Ritratto di N. P. Zhdanovich dietro il clavisin   Pavel Fedotov

Questo è il ritratto più significativo dell’opera di P. A. Fedotov. Come in altre opere, l’artista combina un ritratto e un compito di genere. Ricrea in dettaglio l’ambiente in cui risiede il modello, introduce un’azione – suonare il piano.

Ma sembrava interrompere questo gioco, girando la testa e lo sguardo della ragazza verso lo spettatore, deviando la modella dalla classe.

La ragazza con l’abito blu e il grembiule bianco è raffigurata al momento dell’esecuzione del lavoro per pianoforte: le sue sopracciglia sono leggermente sollevate per la sorpresa, la sua serietà è attenuata da un lieve sorriso sulle sue labbra. Con l’aiuto di alcune tecniche compositive, l’artista permette allo spettatore di sentire il carattere e l’umore del suo modello.

La ragazza appare davanti a noi in tutta la complessità del suo essere spirituale, durante il periodo del risveglio dei sentimenti, il movimento intenzionale verso il futuro. Il suo sguardo esprime intrecci spirituali complessi. C’è allo stesso tempo fiducia e cautela, il desiderio di lasciare l’osservatore esterno nel mondo dei suoi sentimenti e allo stesso tempo isolarsi da lui.

Attesta che l’anima stessa del giovane Zhdanovich è ancora in fase di formazione, nel processo di formazione.

Lo sfondo neutro è leggermente evidenziato intorno alla figura, creando una sensazione di luce-aria ambiente e allo stesso tempo enfatizzando la sua posizione centrale sulla tela. Il ritratto si distingue per immediatezza e padronanza della performance. Nonostante la miniatura, il dipinto è audace ed energico. Testa e mani particolarmente chiaramente modellate. Le caratteristiche del viso indicano forza, passione, vitalità e, allo stesso tempo, la morbidezza del personaggio del modello.

Il ricco ritmo lineare e chiaroscuro della tela, i colori pastello contenuti negli abiti e il laboratorio che trasmette la trama del legno con colori tenui danno origine a un senso di calma e comfort domestico.

Queste ragazze di buone famiglie russe divennero decibristi e narcisisti, erano fedeli fino alla fine sia all’amato che alla grande causa, ma potevano anche vivere la stessa vita ordinaria, senza sacrificare i principi di moralità e spiritualità, diffondendo la luce intorno a loro la tua anima. È così che Nadezhda Zhdanovich ha trascorso una lunga vita.

Zhdanovich Nadezhda Petrovna – figlia di P. V. Zhdanovich e della sua seconda moglie O. P. Zhdanovich. Fu educata nella Imperial Educational Society di nobili fanciulle di Smolny, rilasciata nel 1854. Era sposata con l’ufficiale del reggimento finlandese A. I. Werner, in seguito un generale di fanteria.

Possedeva una collezione di opere di Fedotov, autografata dalle sue poesie, conservava con cura una quarantina di lettere a Fedotov e ai suoi disegni, che al tramonto del giorno, già nel mezzo della prima guerra mondiale, trasferì al Museo russo. Nadya Zhdanovich Fedotov era ancora piuttosto piccolo, tre o quattro anni fa fece ritratti di acquerelli accoppiati di lei e della sorella di Olya, disegnando entrambi in identici abiti rossi, a mani nude.

Anche allora, in un’adolescente con uno sguardo serio, immaginava il personaggio che ora era completamente rivelato in una giovane studentessa: purezza senza bigottismo, femminilità senza ministero, dignità senza arroganza, vivacità senza civetteria, intelligenza senza pedanteria, modestia senza umiliazioni. Quanti anni sono passati e le sue ceneri sono decadute molto tempo fa e sulla minuscola tela Fedotov, questa perla della pittura russa, tutti splendono e splendidi occhi blu e un leggero sorriso brilleranno, non nascondendo alcun mistero tranne il semplice ma eterno mistero dell’incantevole fascino femminile. Non importa quanto a modo loro fossero belli i primi, primi ritratti di Fedotov, in nessuno di essi avrebbe potuto raggiungere un’altezza tale come nel ritratto di Nadya Zhdanovich.