Ritratto di N. P. Sheremetyevo – Ivan Argunov

Ritratto di N. P. Sheremetyevo   Ivan Argunov

Il nipote del primo conte russo, associato di Pietro I Boris Petrovich Sheremetev, il conte Nikolai Petrovich Sheremetev, dopo la morte di suo padre, ereditò vasti possedimenti: Kuskovo con un teatro di servi e Ostankino. Un ruolo significativo nello sviluppo del teatro fu interpretato da una bibliotecaria di servi Vasily Grigorievich Voroblevsky. Ha imparato le basi dell’arte teatrale in gioventù, mentre studiava all’Accademia slava-greca-latina.

È stato supervisionato dall’addestramento di attori neoassunti, nonché dal rifornimento del repertorio con spettacoli trasferibili. Lo stesso Nikolai Petrovich ha spesso partecipato a spettacoli musicali. I visitatori del teatro sono stati anche sorpresi da qualcos’altro: l’atteggiamento insolitamente rispettoso del proprietario nei confronti degli attori servi.

I loro nomi nelle prime esibizioni domestiche sono stati stampati con nomi patronimici, e in seguito il grafico ha introdotto un’altra innovazione: ha dato agli artisti splendidi pseudonimi di gemme. La ballerina Tatyana Vasilyevna Shlykova divenne nota come Granatova sul palco, la sua amica Mavra – Biryuzova, Praskovya Ivanovna Kovaleva – Zhemchugova. Il teatro Sheremetev in scala, ricchezza e serietà del caso e livello artistico era molto più alto rispetto ad altri teatri di servi.

La troupe della fortezza per il Teatro Kuskovsky fu addestrata da famosi attori e insegnanti drammatici – I. A. Dmitrievsky, Ya. E. Shusherin e S. N. Sandunov; i famosi maestri di balletto D. N. Solomon e A furono invitati a ballare l’arte in varie occasioni. P. Glushkovsky.

La fama Nikolai Petrovich meritava, e grazie a un atto senza precedenti per quel tempo, sposare la sua serva attrice Praskovya Kovaleva.