Ritratto di Madame de Pompadour – Francois Boucher

Ritratto di Madame de Pompadour   Francois Boucher

La ritrattistica non era la “mania” di Bush. In tutta la sua vita, ha scritto circa una dozzina di ritratti. La metà di loro raffigura Madame Pompadour, che testimonia senza dubbio la stretta amicizia tra l’artista e l’amante del re.

L’immagine che vedi davanti a te è l’ultimo ritratto di Madame Pompadour.

Un tempo questa tela era appesa a Versailles, e mangiamo la morte della padrona reale passata a suo fratello. Nonostante Madame Pompadour amasse molto Bush e lo considerasse un brillante pittore, non aveva illusioni sulla sua capacità di scrivere ritratti. Ha risposto a uno dei suoi ritratti di Bush, “Sono bellissima qui, ma non mi assomiglio.” È necessario, tuttavia, notare l’originalità del modo in cui questi ritratti sono dipinti.

Da un lato, non sono privi delle caratteristiche di un ritratto formale tradizionale, dall’altro sono colorati dall’intimità, dall’atteggiamento personale dell’artista nei confronti del modello. Quando fu scritto questo ritratto, la signora Pompadour non era più l’amante del re, sebbene conservasse tutti i privilegi del “favorito ufficiale”.

Essendo una “divinità” solo una marchesa, “di fatto” ha ricevuto onori, come si addice a una duchessa. Tuttavia, piuttosto che una persona imperiosa e ambiziosa, ma una donna intelligente ed educata con un delicato gusto artistico ci guarda dal ritratto del 1759. Fu ricordata dallo stesso Bush, perché molti contemporanei parlavano di lei, che notava che la signora de Pompadour non aveva arroganza o lato volubile, di solito tipico di “uccelli di tale volo”.

Al contrario, tutti parlavano con una sola voce della cortesia e del tatto della più famosa amante del re.