Ritratto di I. I. Betsky – Alexander Roslin

Ritratto di I. I. Betsky   Alexander Roslin

Catherine, che conobbe Ivan Ivanovic Betsky sin dall’inizio della sua visita in Russia, lo avvicinò a se stessa, apprezzò la sua educazione, il suo gusto aggraziato, la sua razionalizzazione al razionalismo, su cui lei stessa era cresciuta. Betskoi non intervenne negli affari di stato e non ebbe alcuna influenza su di essi; si è dissociato da un’area speciale – educativa.

Con decreto del 3 marzo 1763, gli fu affidata la gestione dell’Accademia delle Arti, durante la quale organizzò una scuola educativa, e il 1 settembre dello stesso anno fu annunciato un manifesto sull’istituzione di una casa educativa di Mosca. affidato alla sua principale cura e leadership.

Nel 1765, fu nominato capo del corpo dei cadetti della nobiltà terriera, per il quale stabilì una carta su una nuova base. Nel 1773, secondo il piano di Betsky e a spese di Procopius Demidov, fu istituita una scuola educativa commerciale per i figli dei mercanti. Avendo affidato Betsky alla guida di tutte le istituzioni educative ed educative, Catherine gli ha conferito una grande ricchezza, una parte considerevole delle quali ha dato in beneficenza e soprattutto allo sviluppo di istituzioni educative.

Come direttore della Cancelleria degli edifici, Betskaya contribuì molto all’ornamento di San Pietroburgo con edifici e strutture di proprietà statale; I più grandi monumenti di questo lato della sua attività sono il monumento a Pietro il Grande, l’argine di granito della Neva e dei canali e il reticolo del giardino estivo. Derzhavin onorò la sua memoria con un’ode in cui, enumerando i suoi meriti, disse: “Il raggio di misericordia era, Betskoy, tu.” Queste parole sono scolpite nella lapide del suo monumento.