Ritratto di DI Buturlin – Alexey Antropov

Ritratto di DI Buturlin   Alexey Antropov

Il 13 luglio 1762, un gruppo di pittori fu inviato da San Pietroburgo a Mosca per decorare le porte trionfali prima dell’incoronazione di Caterina II. Tra questi c’era A. P. Antropov. Dopo le celebrazioni, il cortile è rimasto nell’antica capitale per quasi un anno, quindi l’artista ha avuto abbastanza tempo per completare una serie di ritratti qui.

Così, apparvero immagini dei membri della famiglia Buturlin, ricchi nobili di Mosca, che possedevano vaste proprietà, tra cui il famoso villaggio di Palekh, il centro della pittura di icone.

Il capo della famiglia, DI Buturlin, nello spirito degli ideali dell’Illuminismo e delle tradizioni patriarcali dell’antichità russa, governava i suoi possedimenti in modo intelligente ed equo. Ad esempio, le sue lettere sopravvissute al burgomaster di Palekh contengono richieste per risolvere questioni controverse in una riunione generale dei contadini, “secondo una frase mondana”. Il ritratto di questo uomo attraente appartiene alle migliori creazioni di Antropov, anche se nella sua pittura dopo il ritratto di A. M. Izmailova, può sembrare un po ‘arcaico, “parsunny” e quindi, a prima vista, inaspettato. Questa impressione non è casuale, è associata a certe tecniche artistiche, che ricordano la pittura di icone.

Il ritratto di Dmitry Ivanovich Buturlin è stato eseguito, secondo l’iscrizione sul retro quando aveva 59 anni. Un volto energico, dalle grandi caratteristiche, come se fosse scolpito in legno resistente.

Nel tentativo di trasmettere la fisicità e la tangibilità dell’oggetto immagine, l’artista realizza una modellazione molto chiara e convessa del viso e delle figure, che, per così dire, vanno oltre il piano della tela e assomigliano a un rilievo scultoreo brillantemente dipinto. Il volto del modello è idealizzato, i suoi contorni e le sue caratteristiche si distinguono per l’uniformità impeccabile, la forma è costruita con linee raffinate generalizzate, la dimensione degli occhi è esagerata. Inoltre, Antropov evita le ombre qui, in modo che il viso sembra emettere luce, ma planare e come se fosse tagliato da materiale solido.

L’iconografia ricorda lo splendore decorativo colorato del ritratto. Il suo colore, in particolare il blu, molto profondo nei toni e brillante, dà all’immagine una grande attività. Antropov sottolinea i tratti specifici del personaggio, raggiungendo la massima credibilità e vitalità dell’immagine, senza scavare nel mondo dell’essenza spirituale del modello.

La rettilineità dell’artista nel trasferimento della natura umana, combinazioni di luci succose e contrastanti rivelano l’originalità del suo talento e un forte legame con l’arte popolare.