Ritratto di D. F. Fikelmon – Peter Sokolov

Ritratto di D. F. Fikelmon   Peter Sokolov

La contessa Daria Fedorovna Fikelmon, la nuova contessa Tizengausen, nipote del feldmaresciallo Kutuzov e moglie del diplomatico Carl Ludwig Fikelmon. Sua madre, Elizaveta Mikhailovna, amata figlia di Kutuzov, dopo la morte del suo primo marito, divenne moglie del diplomatico russo N. F. Khitrovo e visse con lui in Italia per quasi dieci anni.

Lì, la diciassettenne Dolly, la figlia più giovane di Elisabetta Mikhailovna, sposò un inviato austriaco e divenne contessa Fikelmon. Nel 1829, il conte Fikelmon ricevette l’incarico di ambasciatore austriaco in Russia e la coppia si trasferì a San Pietroburgo. Elizaveta Mikhailovna, di nuovo vedova, tornò anche a San Pietroburgo.

A Pietroburgo, E. M. Khitrovo e Dolly Fikelmon sono diventati le amanti di due grandi saloni alla moda.

“L’intera vita in fiamme, europea, russa, politica, letteraria e sociale, ha avuto veri echi in due saloni affini”, ha scritto il Principe P. Vyazemsky. Daria Fedorovna Fikelmon era una bellezza brillante, la proprietaria di una mente logica rigorosa, educata, sottile, capace di condurre una conversazione rilassata e divertente.

Il salone di Fikelmonov nel palazzo Saltykov sull’argine di Neva era uno dei più brillanti e intelligenti della capitale. Gli piaceva visitare P. Vyazemsky, A. Turgenev e Pushkin. P. Vyazemsky l’ha definita una “finestra sull’Europa”: ci sono state riunioni dei massimi rappresentanti della nobiltà, personaggi pubblici famosi, ambasciatori e così via. Dalle conversazioni con il conte Fickelmon Pushkin, che non lasciò mai la Russia, trasse informazioni sulla vita dell’Europa.

E Darya Fyodorovna Pushkin considerava una delle donne più straordinarie del suo entourage.

DF Fikelmon ha lasciato un diario in cui, con l’abilità di uno psicologo, ha dato le caratteristiche di molti dei suoi contemporanei e dei suoi eventi. Questo diario è diventato una delle testimonianze più importanti sulle ragioni che hanno portato al duello e alla morte di Pushkin. Nel suo diario e nelle lettere a Vyazemsky ci sono caratteristiche precise e sottili di Pushkin, N. N. Pushkina e una storia sulle circostanze del duello, scritta in un tono comprensivo di Pushkin.

Una lettera di Pushkin a Fikelmon è stata conservata.