Ritratto di Bulakov – Vasily Tropinin

Ritratto di Bulakov   Vasily Tropinin

Aperto e a suo agio, con un lieve mezzo sorriso, l’eroe di questo ritratto guarda lo spettatore. Nella democrazia sottolineata della toilette – una vestaglia, una cravatta disordinatamente annodata, nella solita postura naturale – nella parte posteriore, appoggiata allo schienale di una sedia, con in mano il libro appena letto, c’è in tutto ciò una fiducia speciale nell’interlocutore-interlocutore e nella buona volontà spirituale, e chiarezza di attitudine e abilità artistica di un uomo dell’era romantica. La gamma pittorica del ritratto è altrettanto naturale, pulita e aperta, creando, come la costruzione compositiva e il modo di scrivere, un sentimento di presenza immediata.

Alcuni ricercatori hanno suggerito. che questa è l’immagine del famoso cantante e compositore moscovita Peter Alexandrovich Bulakhov, molto rispettato dai suoi contemporanei per il suo “tenore d’oro di velluto”. Attualmente, questa attribuzione è messa in discussione.

Tuttavia, nel ritratto creato da Tropinin, si può discernere l’immagine tipica dell’intellettuale di Mosca, un rappresentante della nuova cultura urbana. La vita di una persona che si oppone al mondo dei ranghi, dei premi e dei valori statali, la sua vestaglia è “in un’uniforme ricamata in oro.

Comportamento e pensiero democratici, ampiezza degli interessi spirituali, generosità artistica della loro manifestazione – questi sono il contenuto e il pathos dei cosiddetti ritratti “negligenti”. Lo stesso artista, dopo essere stato liberato dalla servitù, apparteneva a questa cerchia di persone ed è per questo che ha scritto i loro ritratti con tale entusiasmo e ispirazione.