Ritratto di Alexandra G. Muravyova – Peter Sokolov

Ritratto di Alexandra G. Muravyova   Peter Sokolov

Il 5 gennaio 1826, il comandante della Fortezza di Pietro e Paolo ricevette un ritratto dalla moglie per il trasferimento “con il massimo permesso” a N. M. Muravyov. In una delle lettere, Nikita Mikhailovich scrive: “Nei momenti di maggiore depressione, mi basta guardare il tuo ritratto e questo mi supporta”. In un’altra lettera: “Di tanto in tanto prendo il tuo ritratto e parlo con lui”.

Il ritratto di N. M. Muravyov lo portò in Siberia e non si separò da lui fino alla fine dei suoi giorni. All’inizio di gennaio 1827, A. G. Muravyova andò dopo suo marito in un esilio siberiano. Attraverso Muraviev, Pushkin mandò il suo messaggio a I. Pushchin in Siberia. “Ricordo il giorno in cui Alexandra Grigorievna mi diede i versi di Pushkin attraverso la grata. Il ricordo del compagno poeta Lyceum illuminò esattamente la prigione, come lui stesso disse, e fui contento di dover essere obbligato ad Alexander Grigorievna per questo momento consolante.”

Alla fine di ottobre 1832, Alexandra Grigorievna ebbe un brutto raffreddore e, dopo essersi ammalata per circa tre settimane, morì nello stabilimento di Petrovsky. A proposito della sua vita e morte nelle lettere dei Decabristi e delle loro mogli, così come nella letteratura dei ricordi, ci sono molte risposte che ispirano timore e ammirazione per il ricordo di questa donna. È stata glorificata da N. A. Nekrasov nel poema “Russian Women”. È dedicata alla storia N. A. Bestuzhev “Stazione Shlisselburgskaya”, scritta da lui nella prigione dello stabilimento di Petrovsky.