Ritratto di A. G. Bobrinsky durante l’infanzia – Fedor Rokotov

Ritratto di A. G. Bobrinsky durante linfanzia   Fedor Rokotov

Questo ritratto è entrato nel Museo russo come immagine del Granduca Pavel Petrovich. Sul retro della tela c’è una vecchia nota stampata, che testimonia che nel 1772 il ritratto fu depositato nell’ufficio del maestro di cella dalle stanze private di Caterina II.

In termini di caratteristiche stilistiche e tecnologiche, questo lavoro dovrebbe essere datato alla metà del 1760. Nel frattempo, una tale datazione contraddice la tradizionale attribuzione del ritratto: Pavel Petrovich, nato nel 1754, all’epoca aveva circa dieci anni, il che non corrisponde all’età del bambino raffigurato nel ritratto.

L’assenza di ordini per il ragazzo, che il granduca ricevette cinque giorni dopo la sua nascita, sembrò incongrua alla definizione tradizionale – con loro fu presentato a tutti, senza eccezioni, ritratti. Non fu immediatamente possibile rispondere alla domanda chi fosse esattamente questo bambino che stringeva un sonaglio in mano. Dato che il ritratto originale era nelle stanze di Caterina II, era chiaro che il ragazzo aveva il rapporto più stretto con l’imperatrice.

Come è stato scoperto, Rokotov ha raffigurato il piccolo grafico Alexei Grigorievich Bobrinsky, il figlio illegittimo di Caterina II e G. G. Orlov. Bobrinsky è nato nel 1762, non contraddice la data stabilita. La correttezza della definizione è anche confermata in modo convincente confrontando il ritratto di Rokotov con le immagini conservate di A. G. Bobrinsky durante l’infanzia.

Alexey Grigorievich Bobrinsky – Conte dell’Impero russo, figlio illegittimo dell’imperatrice Caterina II e Grigory Grigorievich Orlov, il fondatore della famiglia conte di Bobrinsky.