Ritratto dell’Imperatore Nicola II – Valentin Serov

Ritratto dellImperatore Nicola II   Valentin Serov

Il ritratto più significativo e memorabile di un pennello di Valentin Aleksandrovich Serov può essere giustamente considerato il “Ritratto dell’Imperatore Nicola II”. Questa tela è stata scritta dall’artista all’inizio del XX secolo nel 1900. Il XX secolo fu difficile e ricco di importanti eventi storici. L’immagine pittoresca dello zar russo si distingue per la creazione di un’unica immagine luminosa.

Il ritratto del sovrano dello stato è percepito come uno, piuttosto ascetico.

V. A. Serov ha lavorato a lungo per creare l’immagine del re. Per molto tempo il ritratto non ha funzionato e l’immagine dell’immagine stava cadendo a pezzi. L’artista spesso provava insoddisfazione per il lavoro svolto, sentiva che il personaggio del re non gli era stato dato dal quale il quadro era privato della verità interiore. E in effetti l’immagine è chiaramente difficile.

Questa non è una persona comune o solo una persona di qualità eccezionali, questa è una grande personalità nella storia, questa è una personalità da cui dipende non solo il destino di un singolo potere, ma anche la posizione di tutto il mondo. La complessità della personalità si rifletteva in quanto fosse difficile e difficile per un pittore con il titolo di miglior ritrattista della Russia creare un ritratto di Nicola II.

Nicola II è rappresentato in una forma abbastanza semplice di ufficiale del reggimento Preobrazhensky. L’aspetto del re modesto, sostenuto, rigoroso. L’immagine ricorda in una certa misura un’immagine fotografica di come catturato in modo sincero lo stato emotivo, lo sguardo e l’ansia interna insiti nella personalità dell’imperatore. Nicola II incrociò le braccia davanti a sé, il che conferisce alla sua figura fermezza e risolutezza, nonostante il fatto che l’espressione degli occhi dell’imperatore sia piena di tristezza malinconica. Questo aspetto è da tanto tempo e cercavo Serov.

Era questa visione che serviva come espressione dell’essenza della personalità di Nicola II e rifletteva la sua vulnerabilità interiore e la sottigliezza dell’esperienza.

Serov cercò di allontanarsi dal sentimento di inaccessibilità e indistruttibilità dell’immagine dell’imperatore. L’artista ha cercato di avvicinare la personalità del grande autocrate alla realtà ordinaria e di dimostrare che ha molte qualità di una persona intelligente, gentile e talvolta timida. L’artista ci ha permesso di sentire questa debolezza nell’impercutabile immagine imperiale.

Per la vera incarnazione del ritratto è più simile a uno schizzo o uno schizzo. L’immagine è percepita come una parte luminosa, una parte significativa della realtà. Poiché ogni momento della vita è significativo e importante, anche se è irrecuperabile e inarrestabile. La combinazione di colori contenuta sottolinea la giovinezza, l’armonia e l’espressività dell’imperatore dei lineamenti del viso, la bellezza della persona, crea un primo sguardo. Questa visione non è il sovrano di uno stato, ma una persona comune, con le sue profonde riflessioni, esperienze, ansie e preoccupazioni quotidiane.

Questo aspetto è bello, ma triste. Quindi la personalità dell’imperatore stesso era veramente grande, inquieta, irrequieta, delicatamente sensibile.