Ritratto del principe A. A. Vyazemsky – Karl Ludwig Hristinek

Ritratto del principe A. A. Vyazemsky   Karl Ludwig Hristinek

Alexander Alekseevich Vyazemsky – Principe, statista russo, uno dei più stretti dignitari di Caterina II. Nacque il 3 agosto 1727. Apparteneva alla vecchia famiglia principesca russa, che ne traeva le origini dal nipote di Vladimir Monomakh – Principe Rostislav Mstislavich. All’età di vent’anni, Aleksandr Alekseevich si è laureato presso il Corpo dei signori della terra. Durante la guerra dei sette anni con la Prussia, partecipò non solo alle battaglie dell’esercito russo, ma anche all’esecuzione di alcune istruzioni segrete del comando, che gli costarono quasi la vita.

Alla fine della guerra, A. A. Vyazemsky aveva già ricoperto la carica di Quartiermastro Generale ed era ben noto alla giovane imperatrice Caterina II. Nel dicembre 1762, gli commissionò di “stabilire relazioni” tra i contadini ribelli e i loro padroni nelle fabbriche degli Urali.

Nel dicembre del 1763 fu richiamato dagli Urali. 3 febbraio 1764 Caterina II, convinta dell’eccezionale onestà del principe Vyazemsky, lo nominò procuratore generale del Senato. Ha scritto personalmente le sue “istruzioni segrete”, in cui ha chiaramente definito i suoi doveri. L’imperatrice ha ricordato ad A. A. Vyazemsky che il procuratore generale dovrebbe essere completamente franco con il sovrano, dal momento che “d’ufficio la obbliga a resistere al popolo più forte”, e questo è solo il potere imperiale “solo del suo stagno”.

Ha sottolineato che non ha bisogno di “accarezzare” da lui, ma “l’unico atteggiamento sincero e fermezza negli affari”. Caterina II ha avvertito il procuratore generale di non impegnarsi in intrighi in tribunale e si è offerto di avere “l’unico vantaggio della patria e della giustizia in mente,

Se all’inizio della sua carriera era a capo del Senato e osservava anche la vendita di sale e vino nell’impero, a partire dal 1780 aveva saldamente tenuto non solo giustizia, ma anche finanze e affari interni. Fu lui che, per la prima volta in Russia, introdusse una stretta responsabilità in materia finanziaria e iniziò anche a contabilizzare chiaramente le entrate e le spese dell’esercizio. Il Procuratore Generale ora sovrintendeva quasi da solo alla spedizione segreta onnipotente, e quasi tutti gli affari politici noti del regno di Caterina II passarono per le mani: E. Pugachev, A. N. Radishchev, N. I. Novikov e altri. Durante il suo tempo, il principale “nemico sferzante” o, come lo chiamava A. S. Pushkin, “il carnefice della mansueta Catherine” S. S. Sheshkovsky, che, secondo le parole dell’imperatrice, “aveva un dono speciale per lo svolgimento di indagini”, iniziò il suo attivo lavoro investigativo.

A. A. Vyazemsky, a differenza del suo predecessore, ha supervisionato attivamente i procuratori subordinati a lui. Quando è stato introdotto, le “Istituzioni di gestione del governo provinciale”, che regolavano in dettaglio i diritti e gli obblighi della procura locale.

Per “diligenza, zelo e gelosia per i benefici del servizio” gli sono stati assegnati numerosi riconoscimenti, ricevendo, in particolare, l’Ordine di Sant’Andrea il Primo Chiamato, Sant’Alessandro Nevsky, Sant’Anna, San Vladimir di 1 ° grado, Aquila Bianca. A. A. Vyazemsky aveva un grado militare di tenente generale e civile – un vero consigliere segreto. Nel settembre 1792, A. A. Vyazemsky si ritirò a causa di una malattia e Caterina II affidò i suoi numerosi doveri a diverse persone.

D. Bantysh-Kamensky scrisse su di lui in questo modo: “Il principe Vyazemsky si distingueva per lealtà al suo trono, disinteresse, era estremamente laborioso, capace di eleggere degni assistenti; il nemico del lusso, ma avaro e invidioso mentre i suoi contemporanei parlavano di lui”. A. A. Vyazemsky era sposato con la figlia del procuratore generale elisabettiano N. Yu. Trubetskoy Elena Nikitichne. La coppia ebbe quattro figlie.

Il principe A. A. Vyazemsky morì l’8 gennaio 1793.