Ritratto del poeta K. Balmont – Valentin Serov

Ritratto del poeta K. Balmont   Valentin Serov

La Russia non libera visse sempre con un occhio alle autorità artistiche e giornalistiche, guardò attentamente negli occhi di tutti coloro che si dichiararono ad alta voce: non era questo messia? Questo è il più importante? Le immagini di famosi scrittori, musicisti e pittori erano estremamente popolari.

Serov ne conobbe uno piuttosto brevemente e conosceva quasi tutti: l’élite artistica russa di quel tempo rappresentava un mondo molto ermetico. L’artista ha catturato molte figure di spicco della cultura russa – ogni ritratto di questo tipo è un tentativo di “cancellare tratti casuali” e vedere la vera persona dietro la maschera della “laicità”, “rivelare” il nucleo del suo personaggio.

Quanto diversi fossero i risultati di questi tentativi, aiuteranno a comprendere il confronto tra due opere: “Ritratto del poeta K. Balmont”, 1905 con il sigillo di “ispirazione” sulla fronte dell’eroe e vedere attraverso la saggezza e la fatica “Ritratto dello scrittore N. Leskov”, 1894.